Villa Urquiza Style

PUBBLICATO IL 21 luglio 2007

Villa Urquiza è un barrio di Buenos Aires (lascio a Chiara la descrizione del posto), dove si trovano due importanti milonghe, il Club Sunderland e il Club Sin Rumbo.

I ballerini che insegnavano tango Salon tradizionale in questi due club erano Gerardo Portalea, “El Turco” Jose, “Milonguita”, Carlos Estevez “Petroleo”, “finito”, Jose Lampazo, “Cachito” Mantegaza e Alberto Villarrazo, e divennero così famosi da richiamare in quei locali gente da tutto il mondo.

La gente iniziò a chiamare il tango ballato da loro “Stile Villa Urquiza”.

Tra questi maestri ci sono Maria del Carmen Romero e Jorge Dispari, che insegnarono poi a Geraldine Rojas (loro figlia), Javier Rodriguez, Sebastian Arce.

Per il momento, per darvi un’idea dello stile, vi faccio vedere Gerardo Portalea.

ARTICOLI CORRELATI #

1 commento

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Eccomi qua!
    Il Barrio di Villa Urquiza è uno dei tanti quartieri in cui è suddivisa Buenos Aires.
    E’ conosciuto con questo nome dal 1901 anche se era stato “fondato” nel 1887. Festeggia il “Dia del barrio” il 2 ottobre.
    E’ un quartiere che ha tutto: case antiche, e moderne palazzine; tranquilli viali alberati e strade dal traffico rapido; ci sono tutte le moderne comodità, ma è possibile, in estate, vedere ancora le vecchiette fuori dalla porta, sedute su una sedia a conversare come nel nostro Sud.
    Per il tango è divenuta famosa grazie ai numerosi Club, più o meno storici come quelli già nominati da Aurora: il Club Sin Rumbo, il noto Club Sunderland e ovviamente il Club Urquiza.
    Una parte della sua fama la deve anche ai personaggi che sono nati nel quartiere.
    Una di questi mi pare fosse Carmencita, la ballerina del Cachafaz prima ballerina (con tanto di soprannome) famosa nel tango.
    Anche Cadicamo era innamorato di questo Barrio, tanto da dedicargli un tango (al Club Sin Rumbo e ai suoi frequentatori storici)intitolato proprio “Villa Urquiza”.
    Ecco cosa dice

    Un porteño de buen porte
    para el tango es muy cabrero
    si le copian algún corte
    en el sur, como en el norte,
    no se salva ni el botón…

    Pa’ bailarlo bien debute
    caminalo muy despacio.
    Lo aprendí de Virulazo
    y si quieren ver mis pasos
    no les cobro la lección…

    Academia del Gotán
    con
    Gerardo Portalea
    que en el tango se florea
    dando cátedra al bailar…
    Agachado y compadrito
    viene el
    negro Lavandina
    con un “8” y una mina
    que es una barbaridad…

    Se va por un compromiso
    Don Benito Avellaneda
    pero “Finito” se queda
    pa’ sacar viruta al piso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*