La Jiddishe mame

PUBBLICATO IL 10 agosto 2007

Non credo che la grafia del titolo sia corretta, ma approfitto del video che segue per estendere il discorso riguardo il tango e gli ebrei. Lo spunto nasce da questa canzone russa, dedicata alla mamma Jiddish, figura che assume una valenza tutta particolare nella cultura ebraica.

Alla Jiddishe mame nei suoi spettacoli Moni Ovadia normalmente dedica una intera parte, ed egli stesso ha affermato: “La yiddish mame, più che una madre, è un continente. Bisogna esplorare, ci vuole pazienza…”

Per capirci, la mamma Jiddish è quella che tempesta il figlio con suggerimenti inutili e consigli di mettere la maglia di lana, che gli sta addosso una vita intera coccolandolo e proteggendolo da tutti i fantomatici pericoli del mondo esterno…. ( e purtroppo in questo periodo non ho con me i miei libri… altrimenti vi inserivo una storia..)

Di seguito il testo della canzone, che si caratterizza per essere, in questa versione, particolarmente triste!

A Yiddishe mame

Ich vil baj ajch a kashe frejn, zog mir ver es ken
Mit velche tajere farmegns, bentsht got alemen
Men kojft es nit far kajn gelt, dos gibt men nor umzist
Un doch az men farlirt dos vi fil trern men fargist
A tsvejte gibt men kejnem nit, es helft nit kajn gevejn
Oj, ver es hot farlojrn, der vejst shojn vos ich mejn

A yiddishe mame, es gibt nit beser in di velt
A yiddishe mame, oj vej vi biter ven zi felt
Vi shejn un lichtik iz in hojz, ven di mame’z do
Vi trojrik finster vert ven got, nemt ir ojf ojlem habo
Durch vaser un fajer, volt zi gelofn far ir kind
Nit haltn ir tajer, dos iz gevis di greste zind
Oj, vi gliklech un rajch iz der mentsh vos hot
A za shejne matone geshenkt fun Got.
A za altitshke yiddishe mame, mame majn .

Ver iz ajch baj dem vigele, gezesn tog un nacht
Ver hot baj ajer krankenbet kajn ojg nit tsugemacht
Ver hot far ajch gekocht, gebakt, gearbe un geshklaft
Un ver volt far ir kind avekgelejgt ir letste kraft
Baj vemen zajt ir ale tajer, ale fajn un gut
Ver volt far ajch gegebn ir letstn tropn blut
Texte:Ben Pollack, Jack Yellen

ARTICOLI CORRELATI #

2 commenti

  1. Caterina ha detto:

    Il testo che avete pubblicato è in tedesco (come il titolo), ma la canzone è cantata in russo, come il titolo originale che letteralmente significa “Cuore di mamma”… Perdonatemi ma non sono riuscita a trovare il testo in russo: prometto di impegnarmi e ve lo mando appena possibile (se a qualcuno interessa, ovviamente). Comunque è molto interessante.
    A presto!

  2. aurorabeli ha detto:

    Grazie, magari!
    La aspetto con ansia e curiosità..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*