A metà strada tra Europa e Sud America

PUBBLICATO IL 26 agosto 2007

“Otros Aires” è un progetto di tango elettronico creato nel 2003 dal musicista e architetto Miguel Di Genova nella città di Barcellona.

Otros Aires

Influenzato sin dall’inizio dall’incrocio con Barcellona, questo progetto irrompe nella scena catalana con uno spettacolo audiovisivo dal taglio storico dove si fondono l’estetica portena degli inizi del secolo passato, il tango, il barrio, l’immigrazione, Gardel, la milonga, le orchestre tipiche, con una varietà di stili legati all’elettronica.

Esordisce a dicembre del 2003 al locale Nova (Barcellona) e poi viene presentato in posti differenti della capitale catalana (Local Bar, Domestic, Barroc, Club Cube, e in altri ancora) in cui allora erano 3 musicisti a lavorare al progetto: Toni Cubedo al basso, Joseph Lluis Guart al piano e Miguel Di Genova alla voce, chitarra, secuencias e audiovideo.A metà del 2004, ormai a Buenos Aires, Di Genova incontra Hugo Satorre (Bandoneòn), Pablo Lasala (Tastiere) ed Emmanuel Mayol (Batteria) con i quali finisce di realizzare il primo disco degli Otros Aires dal nome omonimo. Il medesimo viene presentato l’11 dicembre del 2004 (giorno del tango, compleanno di Gardel) nella Casa Museo di Carlos Gardel.Durante il 2004 ed il 2005 gli Otros Aires si sono presentati in vari posti: la Torre Monumental (nella notte dei musei), la Casa Museo di Carlos Gardel (nel giorno del tango),  milonghe come La Nacional, El Parakultural, Italia Unita, Palermo Tango Club e la Vikinga; il Circolo degli Argentini Creativi, il Museo Renault, lo Yaght Club Puerto Madero, le giornate per la Cultura di Laprida, Telefè, Canal 9, CM, Radio Set, Festival “Codigo Pais”, Festival del tango in Uruguay e in altri ancora.

Otros Aires a Villa Malcom

Nel marzo 2006 gli Otros Aires si presentano al Festival del Tango di Buenos Aires a “La Viruta” e a giugno dello stesso anno inizia un tour fra la Germania e l’Olanda che tocca le città di Wiesbaden, Schwerin, Berlino (Festival del tango), Amburgo, Brema, Stoccarda, Dusseldorf, Friburgo, Monaco, Eindhoven e Tilburg.

4

 Otros Aires a Wiesbaden

A novembre di questo stesso anno realizzano un secondo tour che li porterà a Istanbul, Atene, Varsavia e terminerà a Santiago del Cile. Nel 2007 il loro tour tocca anche l’Italia (1/7/2007 Milano; 3/7/2007 Padova; 10 e 12/7/2007 Bologna). Tra la fine del 2006 e gli inizi del 2007 con la stessa formazione con cui avevano girato i tour, gli Otros Aires incidono il secondo album chiamato “Dos”. Dos è un modo di “sentir elettronico” del barrio, della milonga, della danza e del ritmo, dei classici tangueros. Gli Otros Aires mostrano ancora una volta una visione assolutamente portena dell’arte musicale del XXI secolo.

La formazione attuale degli Otros Aires è composta da Miguel Di Genova (voce e chitarra), Emmanuel Mayol (batteria), Omar Massa (bandoneón) e Diego (piano).

 Discografia:

2004: Otros Aires

otros 01

Nel 2004 il complesso debutta con l’album Otros Aires, che conta dieci brani:

1- Sin Rumbo (con frammenti di “La Viruta” interpretato dall’Orchestra di Juan D’Arienzo nel 1936)

2- Percanta (contiene frammenti del primo tango canzone della storia  “Mi noche triste” inciso per Carlos Gardel)

3- La Pampa Seca (contiene frammenti di “El Carretero” inciso per Carlos Gardel nel 1922)

4- Barrio de Tango

5- Milonga Sentimental (contiene frammenti di “Milonga Sentimental” inciso per Carlos Gardel nel 1929)

6- Aquel muchacho bueno (contiene frammenti di “Aquel Muchacho Triste” inciso per Carlos Gardel nel 1929)

7- Rotos en el Raval

8- De puro curda

9- Amor que se baila (contiene frammenti di “Aquel Muchacho Triste” inciso per Carlos Gardel en 1929)

10- En dirección a mi casa (contiene frammenti di “El Carretero” grabado per Carlos Gardel nel 1922)

2007: Dos

otros 02

1- Allerdings Otros Aires (contiene frammenti del Festival del Tango di Berlino del 2006)

2- Otro Puente Alsina (contiene frammenti di “Puente Alsina” di B. Tagle Lara inciso per Rosita Quiroga nel 1926)

3- Otra Noche En “La Viruta”

4- Los Vino ‘ (contiene frammenti delle chitarre di “Recuerdo Malevo” Musica: Carlos Gardel – Letra A. Lapera nel 1933)

5- Niebla Del Riachuelo (contiene frammenti di “Niebla del Riachuelo” inciso per Edmundo Rivero)

6- Un Baile A Beneficio (contiene frammenti di “Un Baile a Beneficio” inciso nel 1950 per l’orchestra di Osvaldo Pugliese)

7- La Yumba (contiene frammenti de “La Yumba” inciso nel 1946 per l’orchestra di Osvaldo Pugliese)

8- Junto A Las Piedras

9- Otra Esquina 

10- A Veces

By Niky

ARTICOLI CORRELATI #

3 commenti

  1. aurorabeli ha detto:

    Bentornato dalle ferie ed un augurio di buon inizio a Niky!
    Che, come suo stile solito, ama i post lunghi lunghi…
    ma molto interessanti e completi.
    Grazie, a me gli Otros piacciono molto

  2. dctango dctango ha detto:

    Grazie Aurora,
    ho trascorso l’estate praticamente incollato allo stereo per aggiornarmi su Orquuestas Tipicas e Tango Elettronico.
    Quest’ultimo è stata una rivelazione, non pensavo di poter ascoltare pezzi così belli dopo aver comprato quasi a scatola chiusa CD degli Otros, Bajofondo, Narcotango e Gotan ma anche Tanghetto e Neotango.
    Per scrivere il post degli ottimi Otros Aires ho cercato in lungo e in largo trovando poco materiale sul loro sito e sui loro CD. Ma io non mi arrendo così ho chiesto loro, si proprio a loro, via mail, di dirci qualcosa di più. Non so se lo faranno ma in caso positivo integrerò il post modificandolo.
    A me piacciono davvero tanto Percanta, Milonga sentimental, A veces e potrei continuare…..
    Geniale e originale l’idea di introdurre frammenti di vecchi pezzi nei loro brani.

  3. aurorabeli ha detto:

    Si, devo dire che quest’album è originale, in tutti i suoi brani.
    E poi mi piace tantissimo il loro sito, che è organizzato in modo veramente originale: è una casa con porte e finestre, che si aprono su stanze diverse a seconda dell’argomento.
    Forse il più bello che abbia mai visto, come grafica.
    Speriamo che ti rispondano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*