Sensualità con sorpresa

PUBBLICATO IL 27 agosto 2007

Ho chiesto alla nostra amica Milenamil, bravissima giornalista oltre che presente su internet con blog bellissimi, di inserire un suo brano anche da noi. Lei con estrema gentilezza ci ha risposto di si.

L’argomento è interessante. Alla Marshall di Buenos Aires si tiene una milonga queer.. leggete per scoprire cos’è.

tangoqueer7.jpg

“La Marshall ha compiuto quattro anni di vita ed è festa grande. La Maipù 444 del sabato, il mercoledì notte si trasforma nella milonga più irriverente di Buenos Aires. Che atmosfera strana c’è qua dentro. Ancora più strano è che più frequenti la Marshall e più ti senti bene.  Qualcuno si commuove quando al microfono annunciano che questo luogo è il più dissacrante, il meno pettegolo e il più libero di tutta la città. I grazie si sprecano al microfono.  Qui nessuno giudica nè si sente addosso il respiro pesante del giudizio. Ci si scambia i ruoli in pista, così per divertimento, e nessuno ha niente da ridire. Si può provare a portare anche se non lo si è mai fatto prima.  A lato pista qualcuno scatta foto perchè questa bella onda arriva dappertutto, anche a chi è venuto solo a dare una sbirciatina turistica.  Samantha mi fa conoscere i suoi amici, che è una bella fortuna perchè sono tutti ballerini professionisti e girano il mondo con gli spettacoli più in voga. Sono giovani e ballano tutti tango salòn.  Il loro tango è pulito, elegante ma ricco di passi e figure. Marcano così bene che con loro si riesce a fare cose incredibili, è come se ti accompagnassero aspettando che tu abbia posato il piede bene a terra. Ho fatto una colgada che nemmeno sapevo da dove incominciare. Ottimo equilibro, mi hanno elogiata con sorpresa, senza parafrasare quel chamuyo fastidioso dei vecchi milongueri.  Tanghi giocosi, ben fatti, in perfetta armonia su musiche degli anni ’50. Pugliese passava e ripassava dando energia a tutti. E a me sembrava che questi ragazzi che amavano ballare con me, mi facessero anche il filo. Perchè una donna capisce certe cose, no? Sensualità, sensazioni forti. E mi invitavano di nuovo benchè di stelle argentine lì dentro ce ne fossero state parecchie. Insomma, i i ballerini degli spettacoli, proprio quelli che fanno impazzire tutti per la sensualità e l’erotismo del tango da palcoscenico stavano dedicandosi totalmente a me. Che serata!.Ho ballato con tutti, nessuno escluso. Mi piacciono tutti, nessuno escluso, pensavo tutto il tempo. Credo che passerrei altre ore con loro, nessuno escluso, ed è la prima volta che mi capita in una milonga. Esco da questo vortice di meraviglia e spalanco meglio gli occhi nel buio particolarmente buio della Marshall: dei miei  ballerini sensuali  uno sta sbaciucchiando un ragazzo, un altro ha la mano infilata nei pantaloni del vicino, un terzo posa la spalla su quella dell’amico. E quello con cui avevo ballato per tre sere di fila a Villa Malcom, che mi invitava semrpe e che era tanto carino e bravo stava prendendo il numero di telefono di un altro! Vabbè, era buio pesto quando sono entrata.  Adesso vallo a raccontare alle donne europee che quel tanguero argentino per cui sbavano vorrebbe tanto essere avvinghiato a un uomo”.

Vi segnalo il blog principale di Milenamil, Baires (http://blog.libero.it/baires),  che contiene dei post bellissimi. In modo particolare a me sono piaciuti quelli riguardanti Buenos Aires e le sue realtà contrapposte.

Se volete approfondire l’argomento delle milonghe queer, invece, andate a guardare sul sito http://www.queerway.it/dblog/stampa.asp?articolo=437

ARTICOLI CORRELATI #

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*