Tango milonguero, salon, aperto o…?

PUBBLICATO IL 27 agosto 2007

mafalda3.jpg

Che tipo di tango mi piace ballare?

Domanda amletica.. invidio tutti coloro che hanno un’idea definita e costante. A me piace adattarmi allo stile del ballerino, e provare una volta l’emozione di uno stile, ed il ballo successivo uno stile diverso. Sarò un’indecisa o una curiosa? Preferisco la seconda risposta!

ARTICOLI CORRELATI #

9 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Come dico sempre per me non è un problema. Penso sia più una scelta dell’uomo. Mi piace ballare con tutti e dunque cerco di seguire i vari stili.
    Con mio marito balliamo spesso quello che ho scoperto ieri chiamarsi “tango liquid”, cioè un salon con abbraccio variabile: da aperto a chiuso e viceversa, in continuazione all’interno del ballo.
    Così molte volte i milongueros (gli apiladi) non mi invitano perchè pensano non mi piaccia stare sempre chiusa. Poi una sera si decide uno a invitarmi e allora vengo “sdoganata” e per quella sera faccio anche qualche tanda milonguera.

    Mi piace anche l’abbraccio aperto aperto; lo trovo funzionale, soprattutto d’estate!

    La donna è mobil…. proprio vero!
    🙂
    Chiara

  2. Niky ha detto:

    Imbarazzante quando trovo una che balla solo “milonguero” scoprire che il mio stile, che milonguero non è, poco vi si adatta. Allora anch’io cerco di adattarmi a lei ma con risultati dubbi perchè di “milonguero” non ho mai preso una lezione. E’ una querelle che non avrà mai fine quella degli stili in milonga: chi la vuole cotta, chi la vuole cruda….
    DIciamo che anch’io, come Chiara, modulo l’abbraccio, soprattutto quando la milonga è piena.
    Invece scopro con curiosità che molte mie amiche ritengono più funzionale il milonguero proprio per l’affollamento delle milonghe piccoline. Secondo me, ma è una opinione personale, molte/i si accontentano dei “tre passi” per ballare ed essere in pista e trascurano le tanto pallose, ma indispensabili, lezioni di tecnica. E per ballare “aperto” ma forse anche “milonghero”, boh, ce ne vogliono…..per la gioia dei maestri.

  3. dctango dctango ha detto:

    Adesso che ho preso le prime 5 lezioni di mionguero devo dire che anche questo stile me gusta. E la cosa che mi diverte di più e mescolare ogni tanto milonguero e salòn all’interno di una stessa tanda. Sono un inguaribile pasticcione !!!

  4. lucy ha detto:

    chiara: sottoscrivo tutto! liquid solid gas, quello che tte pare, basta che non ci affossiamo su questo o quello stile perchè è la morte del tango. io che propendo all’abbraccio chiuso (mobile) ho in orrore il solo abbraccio chiuso con quei quattro passetti miserelli…bleah! “camminando” può venir fuori di tutto e di più: e poi milonguero (vedi geraldine) non è quella noia mortale che certi spacciano. ho qualche resistenza verso i ballerini che interpretano il nuevo con la donna tipo volante di auto. ribleah, anzi: doppio!

  5. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Quello che insegnano a me è un abbraccio ora aperto ora chiuso. Mi ci trovo bene, ma non disdegno ballare tutto chiuso.
    Devo dire che mi trovo bene con le ballerine che restando chiuse sempre, anche se con questo io non riduco il set di movimenti, faccio solo passi + piccoli.
    Ovvio, non mi sono mai messo a fare l’acrobata in pista, e quindi ci sono cose che non faccio comunque, sia che l’abbraccio sia chiuso, sia che sia aperto.
    L’importante è condividere la “vibrazione” dela musica.

    Lucy: Geraldine è un sogno, per me!!! veramente non ne ho viste altre capaci come lei di trasmettere la sensazione di “coinvolgimento” solo a guardarla.
    Se troverò una ballerina come lei, ci dovranno staccare a bastonate…

  6. lucy ha detto:

    eccomi… seh ok vabbè insomma così…veramente io…

  7. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    … dimmi dove e quando…

  8. lucy ha detto:

    coram populo? ma credo che proveniamo dalla stessa zona più o meno, e, anche se io non vado spesso in milonga succederà…

  9. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Certo, e con l’effetto sorpresa è anche meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*