I Tanghi che mi piacciono: Pobre Flor (Vals)

PUBBLICATO IL 14 settembre 2007

Pobre Flor (Vals)
Non esiste una data.
Canta Ignacio Corsini con l’accompagnamento delle chitarre di Armando
Pagés, Rosendo Pesoa e Enrique Maciel

rosa.jpg

La flor de mi ilusion,
Il fiore della mia illusione,
la mato el frio de un invierno
l’ha ucciso il freddo di un inverno
cruel de ingratitud y dolor,
crudele di ingratitudine e dolore,
pobre flor,
povero fiore,
hoy es sepulcro
oggi è sepolcro
y paz de mis ansias de pasión.
e pace delle mie ansie di passione.
Porque no vuelve mas?
Perchè non torni più ?
lo que amè con frenesi.
Io che amai con frenesia.
Hay que se han hecho los besos,
Che fine hanno fatto i baci,
que con embeleso, me distes a mi.
che con rapimento, mi hai dato.
Todo lo cubrio el olvido,
Tutto l’ha ricoperto l’oblio,
con su manto triste para no volver.
con il suo mantello triste del non ritorno.
Siendo mi ilusión primera
Essendo la mia prima illusione
solitaria tumba de mi último amor.
tomba solitaria del mio ultimo amore.
juramento vano de una boca ardiente
Un giuramento vano di una bocca ardente
con ponzoña, y maldición
con veleno, e maledizione
llevo el recuerdo grabado.
porto impresso il ricordo.
Como una mortaja eterna
Come un lenzuolo funebre eterno
sobre el alma mia triste la cubrio
sulla mia anima triste la coprì
y por eso entre tinieblas
e per questo nelle tenebre
voy meditabundo vagando al azar,
vado meditabondo vagando all’azzardo,
con tu nombre escrito
col tuo nome scritto
con una sentencia de no poder olvidar
come una sentenza di non poter dimenticare
el corazón que te amò.
il cuore che ti ha amato.

Ci ascoltiamo la celeberrima versione di Alfredo De Angelis y su Orquesta Tipica con los Duos de Carlos Dante y Julio Martèl (1946): clicca qui.

ARTICOLI CORRELATI #

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*