I Tanghi che mi piacciono: Tu el Cielo y Tu

PUBBLICATO IL 14 settembre 2007

Tú el Cielo y tú
Tango
1944
Música: Mario Canaro
Letra: Héctor Marcó

cielo.jpg

Tibio está el pañuelo, todavía,
E’ ancora tiepido il fazzoletto,
que tu adiós me repetía
che mi ripeteva il tuo addio
desde el muelle de las sombras.
dal molo delle ombre.
Tibio, como en la tarde muere el sol,
Tiepido, come a sera muore il sole,
mi sol de nieve, sin esperanza y sin alondras.
il mio sole di neve, senza speranza e senza allodole.
Tibio guardo el beso que dejaste
Tiepido guardo il bacio che hai lasciato
en mis labios al marcharte
sulle mie labbra mentrete ne andavi
porque aún no te olvidé…
perchè ancora non ti ha dimenticato

Tú…
Tu…
yo sé que el cielo,
io so che il cielo,
el cielo y tú,
il cielo e tu,
vendrán acá para salvar
verranno qui per salvare
mis manos presas a esta cruz.
le mie mani appese a questa croce.
Si esta mentira audaz
Se questa menzogna audace
busca mi pena,
incontra la mia pena,
no la descubras tú
non la scoprire tu
que me condena.
che mi condanna.
Guárdala en ti,
Custodiscila tu,
que es mi querer,
che è il mio volere,
desengañarme así
disingannarmi così
será más cruel.
sarà più crudele.

No…
No…
no me repitas ese adiós…
non mi ripetere questo addio…
que esto lo sepa sólo Dios,
che questo lo sappia solo Dio,
el cielo y tú…
il cielo e tu…

Il brano è stato interpretato dall’Orquesta di Carlos Di Sarli con Alberto Podestà e dall’Orquesta di Enrique Rodriguez con Armando Moreno (clicca sui nomi per ascoltare le 2 versioni).

o gustiamoci questo tango:

Sebastian Achaval y Ximena Gallicchio

ARTICOLI CORRELATI #

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*