I Tanghi che mi piacciono: Shusheta (El Aristòcrata)

PUBBLICATO IL 19 settembre 2007

Durante la dittatura di Ramirez, che in Argentina seguì al golpe del 4 giugno 1943, l’allora ministro della giustizia e istruzione, Zuviría, creò una commissione incaricata di salvaguardare la purezza della lingua, che aveva tra i suoi obiettivi la soppressione del lunfardo. Pare abbastanza certo che una qualche tendenza censoria fosse cominciata già prima del golpe; quel che è sicuro, comunque, è che intorno a quel periodo venne proibita la diffusione per radio di testi contenenti termini in lunfardo, ma anche espessioni che alludevano a una critica sociale o che menzionavano comportamenti considerati sconvenienti, peccaminosi, o destabilizzanti. I parolieri delle canzoni dovettero in gran fretta modificare i loro versi per adattarli alla pignoleria bigotta dell’ufficio “Radiocomunicaciones”, che applicava concretamente la censura per mezzo del sigillo “Aprobado por Radiocomunicaciones para su libre difusión”, senza il quale nulla poteva essere trasmesso. Questa situazione diede origine a modifiche nei testi dei tanghi che ne alterarono in maniera spesso ridicola lo spirito e il senso autentico, arrivando in certi casi fino a vere e proprie parodie del testo originale. Acuni esempi di questa censura: il tango “De barro” (di Piana-Manzi), proibito perché tra le sue parole compariva il termine “pucho”, scambiato per lunfardo e in realtà inoffensivo vocabolo Quechua; il tango “Tal vez será mi alcohol” (di Demare-Manzi), rinominato “Tal vez será tu voz”; il tango “Shusheta” (di Cobián-Cadícamo), ribattezzato “El aristócrata”. “Chiqué” fu precisamente uno di questi tanghi, ma la traduzione che se ne fece ne alterò del tutto il senso: dire “chiqué” non è lo stesso che dire “chic” e in francese come in lunfardo significa piuttosto “ostentazione di eleganza”, “darsi delle arie” (fare lo… “sciccoso”, … o lo “smorfioso”), oppure “bluffare”, ma tutto ciò fu trasformato in un innocuo, inespressivo e del tutto impreciso “elegante”. Questa situazione, comunque, terminò con il successivo governo di Juan Domingo Perón, quando dodici poeti e musicisti (guidati da Homero Manzi: Aníbal Troillo, Francisco Canaro, Enrique Cadicamo, Luís Rubinstein, Rodolfo Sciammarella, Alberto Vaccarezza, Enrique Maroni, Santiago Adamini, Lito Bayardo, Juan Perez de la Riestra, José Razzano) chiesero udienza al presidente, il quale diede loro ascolto. (Tratto da ¿Sabias Que ? Blog di cultura tanguera)

Shusheta (El Aristócrata)
Tango
1944
(Música) Juan Carlos Cobián
(Letra) Enrique Cadícamo

elegante.jpg

Toda la calle Florida lo vio
Tutta la via Florida lo vide
con sus polainas, galéra y bastòn…
con i suoi gambali, cilindro e bastone…
Dicen que fue, allá por su juventud,
Dicono che fu, allora, nella sua giovinezza,
un gran Don Juan del Buenos Aires de ayer.
un gran don Giovanni della Buenos Aires del passato.
Engalanó la puerta del Jockey Club
Abbelliva la porta del Jockey Club
y en el ojal siempre llevaba un clavel.
e nell’occhiello portava sempre un garofano.
Toda la calle Florida lo vio
Tutta la via Florida lo vide
con sus polainas, galéra y bastón.
con i suoi gambali, cilindro e bastone.
Apellido distinguido,
Cognome distinto,
gran señor en las reuniones,
gran signore nelle riunioni,
por las damas suspiraba
per le dame sospirava
y conquistaba
e conquistava
sus corazones.
i loro cuori.
Y en las tardes de Palermo
E nelle serate di Palermo
en su coche se paseaba
passeggiava nella sua auto
y en procura de un encuentro
in cerca di un incontro
iba el porteño
andava il porteño
conquistador.
conquistatore.
Ah, tiempos del Petit Salón…
Ah, tempi del Petit Salòn…
Cuánta locura juvenil…
Quanta pazzia giovanile…
Ah, tiempo de la
Ah, tempo della
sección Champán Tango
sezione di Champàn Tango
del “Armenonville”.
del “Armenonville”.
Todo pasó como un fugaz
Tutto passò come un fugace
instante lleno de emoción…
istante pieno di emozione…
Hoy sólo quedan
Oggi solo restano
recuerdos de tu corazón…
ricordi del tuo cuore…
Toda la calle Florida lo vio
Tutta la via Florida lo vide
con sus polainas, galera y bastón.
con i suoi gambali, cilindro e bastone.

By Niky

Tra le orchestre che interpretarono questo brano ricordiamo quella di Carlos Di Sarli (Qui), quella di Angel D’Agostino con Angel Vargas (Qui), Sexteto Tango e Roberto Goyeneche (Qui), Juan Carlos Cobiàn e la sua Orchestra Tipica (Qui).

ARTICOLI CORRELATI #

1 commento

  1. dctango dctango ha detto:

    Angel D’Agostino y Angel Vargas e poi Di Sarli Forever

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*