Tango: parole di nostalgia.

PUBBLICATO IL 11 ottobre 2007

…Cubierto de males, bandeado de apremio,
te evoco desde este lejano país.
Contemplo la nieve que cae blandamente
desde mi ventana, que da al bulevar,
las luces rojizas, con tono muriente,
parecen pupilas de extraño mirar….

…Pieno di dolori, barcamenandomi senza fretta,
ti ricordo da questo paese lontano.
Contemplo la neve che cade lentamente
dalla mia finestra che dà sul viale,
e le luci rossiccie, affievolite,
sembrano le pupille di uno sguardo alieno….

Anclao en París – Guillermo Barbieri y Enrique Cadícamo – 1931
QUI la versione di Adriana Varela

ARTICOLI CORRELATI #

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*