Sondaggio di Opinione: quando lei risponde “no, grazie”; lei ti ha dato il due di Pikke

PUBBLICATO IL 31 ottobre 2007

Vi sarà sicuramente capitato, prima o poi, che lei vi rispondesse “no grazie”…

2pikke.jpg

Cosa fate in questi casi ? E’ giusto dare una seconda possibilità alla fanciulla o la si “bolla” a vita 🙂 ?

1) Per me non è importante, le do’ una seconda possibilità e casomai anche una terza;

2) Ha finito di ballare con me, le stampo un bel bollo sulla fronte !!! 😀

3) Forse la inviterò, un giorno, ma chissà quando….e se…

* Vorrei sottolineare che è lecito che una donna possa rifiutare un invito per qualsivoglia motivo, è nelle regole del gioco, anche se è meglio non abusare 😀 della pratica.

ARTICOLI CORRELATI #

77 commenti

  1. dctango dctango ha detto:

    Come sempre inizio io il sondaggio:
    quelle poche volte che lei mi dice di no (per fortuna) io mi regolo così: la faccio “sedimentare” per qualche mese e poi la reinvito. Questo perchè dietro ad un rifiuto ci possono essere motivazioni banali del tipo che è stanca o non ha voglia di ballare, e questo è lecito; oppure più sostanziali del tipo che non le piace come ballo o ha già ballato con me e non c’era feeling o ancora, le sto sul culo (che può anche accadere !!! Siamo uomini e donne, no ?).
    E voi ???

  2. zangobarrio ha detto:

    dipende…da come rifiuta. Mi è capitato diverse volte ed ogni rifiuto è sicuramente motivato. Ciò non toglie che è sempre una delusione ad una aspettativa. Quello che faccio più fatica a digerire è quando viene rifilato dalla “principessina” del momento, che punta a ballare con il “maestro” o il ” bonazzo” della milonga, e fino qua è più che lecito. Ma quando la senti affermare, nel tentativo di convincere il “maestro” o il “bonazzo” ad invitarla “…perchè nessuno mi fa ballare…”, mi verrebbe voglia di “sacarla” sulla caviglia del piede d’appoggio! …pensate sia esagerato??

  3. dctango dctango ha detto:

    eh già, molte di quelle che dicono di “no” poi hanno anche il coraggio di lamentarsi che nessuno le invita…..dovrebbero dire “ma perchè nessun ballerino bravo mi invita”…
    Grazie Zango del tuo prezioso intervento !!! 😀
    Niky

  4. akmeno ha detto:

    Fondamentalmente invito solo quelle che conosco e quindi non ricevo rifiuti o se li ricevo so perchè e quindi poi le reinvito. Ma diciamo che io in realtà mi stupisco se accettano di ballare con me, non se rifiutano.

    Art

  5. Chiara Chiara ha detto:

    Ma dove sono sti bonazzi????
    😀

  6. dctango dctango ha detto:

    Ce stanno, ce stanno… 😀 “So figo, so bello…so fotomodello !!! E ballo anche bene !!!” (non parlo di me) 😉

  7. Dori ha detto:

    parere femminile:interessa?
    Quando dico un no di solito è definitivo, nel senso che non mi piace come balla colui che mi ha invitata.
    Se non mi invita piu’ fa un piacere a me e probabilmente, anche a se stesso ;-)Cio’ mi è costato il saluto da parte di alcuni (pochi per la verità)maschietti.
    Altri motivi per dire no non ne ho:ballo anche se sono stanchissima, anche se nel frattempo si sta avvicinando Pablo Veron,con una scarpa si e una no,su una gamba sola…
    Dori

  8. dctango dctango ha detto:

    Dori, Dori cosa mi combini ???
    Addirittura ti hanno tolto il saluto ?
    Io di solito tolgo l’invito, ma il saluto, quello mai !!!
    Niky

  9. Dori ha detto:

    E la piazza di Milano è quella che è..;-)Sinceramente di tali saluti..non mi im porta una mazza!!!
    Sai che io non faccio distinzione tra principianti o meno ,tra giovani o anziani,tra belli o brutti(a proposito,neppure io ho mai visto questi gran figaccioni, le mujeres sono di gran lunga “meglio”,in generale),ma non sopporto :chi mi srtattona, chi mi rovina la schiena,chi fa il maestro in pista(anche se lo è),chi non mi “emoziona”..insomma chi non balla come piace a me!
    Dori

  10. dctango dctango ha detto:

    Più che giusto !!!
    I figaccioni ci sono, siete voi che non girate e vi fossilizzate sempre nelle stesse milonghe 😉
    C’è una mia amica che quando ne vede uno letteralmente impazzisce e le si srotola la lingua fin sotto ai tacchi… 😀

  11. Dori ha detto:

    Aspettiamo indicazioni piu’ puntuali rispetto alle milonghe …così ben frequentate!!:-))

  12. dctango dctango ha detto:

    Saranno fatte puntualmente e personalmente (non posso sbilanciarmi a favore di questa o quella milonga, non sarebbe equo). 😉

  13. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Secondo me, Dori ha parzialmente ragione:
    IL TANGO E’ UN PIACERE; SE NON E’ BELLO, CHE PIACERE E’?
    Ma mi vien da dire che di DEFINITIVO a sto mondo non c’è niente: magari il ballerino evolve e migliora, allora perché restare sul rifiuto? (oppure resta sempre lo stesso, nel qual caso, niente da dire!)

  14. dctango dctango ha detto:

    Si, ma vedi, emanuele, PURTROPPO la prima impressione è quella che conta e che ci condiziona per chissà quanto tempo. Chi sa’ notare le differenze col passare del tempo, ed i miglioramenti dei ballerini/e sicuramente ha una marcia in più e può defilarsi da una posizione rigida.

  15. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Dal mio punto di vista:

    1. se mi rifiuta chi non ha mai ballato con me, vale poco: non so perché ha rifiutato, e magari ha le sue ragioni (è stanca, ha le vesciche ai piedi o le emorroidi, che ne so)… magari in futuro la inviterò di nuovo.

    2. se mi rifiuta chi mi conosce e sa come ballo… vabbè: è uno stimolo a migliorare il mio ballo. In questo caso ne passa di tempo, prima che vada a invitarla di nuovo, ma non per rappresaglia, solo per rispetto delle scelte della donna…

    3. se mi rifiuta dopo il primo tango, o comunque prima che finisca la tanda, allora brucia davvero! (stessa tecnica: mi metto sotto a testa bassa per perfezionare la tecnica e la musicalità, e chissà… fra qualche anno, magari…)

    4. rifiuto dovuto alla puzza sotto il naso, all’ambizione o alla supponenza? PIETRA TOMBALE

    5. Mancanza oggettiva di sintonia? che problema c’è? si può andare in milonga insieme, fare conversazione, offrirsi da bere e raccontarsi le barzellette anche se non si balla mai insieme…

    Insomma, la frase che brucia di più non è “no, grazie”, ma “basta, grazie”!!!

    In ogni caso però il rifiuto interpella il maschio, e non sempre per questioni di tecnica: magari è solo un abbigliamento sciatto, o il profumo è sbagliato… Ci vuole tolleranza e pensiero positivo.

  16. Dori ha detto:

    Secondo me chi fa il “maestrino” mentre balla..ha poche possibilità di evoluzione.
    Quando parlo di “come uno balla” non penso al fatto che balli bene o male(ho ballato meravigliosamente con principianti-principianti)ma all’atteggiamento, che non fa parte dei fattori variabili

  17. dctango dctango ha detto:

    Certo che se il “basta grazie” arriva da una principiante (come mi è capitato) allora ti viene proprio da dire: “ma vedi dove devi andare” 😀 e consuma le scarpette prima di aprire la bocca.

  18. Dori ha detto:

    “basta,grazie”non si dovrebbe mai dire…prima di iniziare devo sapere con chi sto ballando.E se mi sono sbagliata e ho fatto male i miei conti..porto pazienza e finisco almeno la tanda!;-)

  19. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    a DORI: hai sacrosanta ragione: è il tipo di atteggiamento che fa la differenza, a monte di qualsiasi variabile “tecnica”

    a NIKY: quello che dici è vero, ma raro!

  20. panna ha detto:

    Oh Dori! mi leggi nel pensiero!
    Io e altre mie amiche, che operiamo la stessa tua filosofia, ci siamo chiamate scherzosamente “il club delle schizzinose” … questo per sfottere simpaticamente quelli che prendono un no come un’onta al proprio masculo orgoglio senza farsi un esamino di coscienza.
    Sarà che qua c’è anche un costume difficile a morire: le donne non le vedo praticamente mai dire di no, accettano tutti gli inviti salvo poi ballare con faccia schifata o dire le peggio cose sul ballerino appena la tanda finisce (a questo punto non sarebbe più onesto e pratico rifiutare in partenza??)
    Il risultato è che le ballerine sono sempre più frustrate, i ballerini si credono degli dei anche quando non lo sono e non si accorgono mai dei propri comportamenti sbagliati (e si tratta nella maggior parte dei soliti “maestri mancati”, i prepotenti che strattonano etc) e quando arriva un rifiuto la cosa non è concepita e tu che hai rifiutato vieni marchiata come “quella con la puzza al naso”.

    L’atteggiamento conta tantissimo, molto più della tecnica … peccato che ben pochi lo comprendano…

  21. Dori ha detto:

    Ciao Panna! Bene ..da oggi entro a far parte del vostro gruppo, quello delle “schizzinose”. Mi volete?

  22. dctango dctango ha detto:

    Grazie Panna.
    A proposito di dove sei ??? 😀
    La cosa che mi diverte di più è che a questo sondaggio in teoria, e sottolineo in teoria, dovrebbero rispondere i maschietti ed invece saltano fuori i pareri delle femminucce. Sia chiaro a me sta bene perchè comunque è interessante sapere anche la vostra opinione (non ve preoccupate che il prossimo sondaggio è proprio per voi), ma forse qualche opinione mascula in più non ci starebbe male = esortazione ai maschietti ad intervenire…

  23. lucy ha detto:

    basta grazie? ma chi sono queste?
    io se fossi un uomo non mi scervellerei per capire il perchè del rifiuto. dico sempre: con tutte le donne che ci sono, state a ffa’ tutte ste storie… due di picche? impìccati.
    dopo di che uno può pensare a modificare in meglio il suo ballo, il suo modo di porgersi…però, qui stiamo parlando tra persone normali e non con uomini del genere so’figo so bello so’ senza cervello e ballo pure con l’…….: quindi, posto che questi un rifiuto se lo meriterebbero, ma tanto alle donne normali non je se filano, agli altri, porelli, donne mie, se non sono palesi spaccaschiena, ditegli di sì: che vi costa? dieci minuti della vostra vita! sapete quanto tempo buttiamo per molto meno nella spazzatura? so’ fisolofa, che vve devo di’, e so’ pure filantropa.

  24. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Comunque, devo dire di aver trovato finora tante mujer gentili, e davvero pochissime “STRONZE”.

    Alla fine l’importante è capirsi: a volte due parole scambiate prima di iniziare, possono servire per stabilire una comunicazione positiva, un briciolo di simpatia fra persone che non si conoscono…

    … e anche un rifiuto va accolto come uno stimolo migliorarsi…

  25. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    LUCY: so’figo so bello so’ senza cervello e ballo pure con l’…….:

    CIGNO???

  26. dctango dctango ha detto:

    Come diceva Emanuele per fortuna sono casi rari. Di solito alcune delle principianti che conosco, non per immodestia, sono felici di ballare con me. Altre non lo so, ma partacce di questo tipo non ne capitano con facilità. Secondo me dipende anche dall’ignoranza della fanciulla, ignorante non perchè non è andata a scuola ma perchè “ignora” il galateo della milonga e si districa in malo modo in queste circostanze…

  27. Dori ha detto:

    Sei una seguidora ideale!!Se fossi un uomo ti inviterei subito.E’ cosi’ raro trovare una mujer cosi’ spiritosa;-)))
    Besos
    Dori

  28. dctango dctango ha detto:

    l’….
    signora Longari lei mi casca sull’…..

  29. lucy ha detto:

    si, er cigno arcigno!

  30. Dori ha detto:

    Anch’io ballo volentieri con te!!Anche se apparteniamo a due scuole di pensiero diverse..e anche se non sono proprio una principiante assoluta!

  31. Dori ha detto:

    Pero’ raga, il signor “so’ figo, so’ bello…etc”a modo suo deve essere un gran virtuoso!

  32. dctango dctango ha detto:

    Ce l’hai con me ??? 😉
    Penso di si !
    Già e questo mi fa piacere…
    Preparati che sul fronte milonguero sto migliorando giorno dopo giorno, garantisco io per me !!!

  33. Dori ha detto:

    Si ce l’ho con te!
    Sul fronte milonguero:massima fiducia!

  34. dctango dctango ha detto:

    “Pero’ raga, il signor “so’ figo, so’ bello…etc”a modo suo deve essere un gran virtuoso!”

    Perchè ???

    Forse perchè nel tango la bellezza non basta, almeno per me ! Una volta ho invitato una stangona tutta curve. Dopo la prima tanda si è rivelata un’inesorabile manico di scopa: della serie “tango inesorabile” !!! 🙂
    L’ho invitata sempre più raramente….
    In questi casi raccomando: invitatela dove volete, ma proprio dove volete, ma non a ballare !!!

  35. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Effettivamente LUCY si fa notare!

    E se diventerò il superfigo della milonga, le prometto fin d’ora di accorgermi “quasi subito” delle sue mirade…

  36. dctango dctango ha detto:

    Ma tu allora la conosci…
    Tanguero infingardo…

  37. dctango dctango ha detto:

    Ora vi racconto una cosa divertente assai !

  38. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    certe volte si invita anche chi non balla bene, solo per simpatia, basta, come dicevo, parlarsi, comunicare…

  39. Dori ha detto:

    Niky:un gran virtuoso …perchè la “normalità” è ballare sulle gambe..
    Ema: a Lucy devi certamente qualche invito!!!!

  40. dctango dctango ha detto:

    L’altra sera una mia amica stava chiacchierando con una signora non più giovane e forse anche un po’ sovrappeso…
    Si lamentava che gli uomini invitavano per lo più per il sex appeal delle ballerine…
    La mia amica cercava di convincerla dicendole che si sbagiava e che non era così…
    Quandoproprio in quel mentre mi avvicino io ad invitarla, inconsapevole del discorso che avevano fatto.

  41. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    ACC.. e’ quasi impossibile seguire il filo del discorso…

  42. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    A me è capitato una sconosciuta che veramente per il tango era zero… me l’ha detto e un giro glielo ho fatto fare lo stesso!
    E poi ho incontrato di nuovo i suoi occhi, e (con un pizzico di masochismo) le ho fatto fare un altro giro…
    La simpatia conta sopra di tutto.

  43. dctango dctango ha detto:

    Beh non ti offendere se ti dico che è scontato quello che dici, Emanuele. Almeno per me lo è: quando incontro persone simpatiche in milonga do tutto me stesso !!!

  44. Chiara Chiara ha detto:

    Visto che si richiede il parere delle donne … 😉 … dico anche la mia.
    Non mi piace rifiutare un invito. Non è nulla di grave, ma non mi sembra carino. In fondo ci sono tanti modi per non farsi invitare … e gli uomini li capiscono … eccome!
    Io sono per la libertà di espressione del ballerino e dunque mi piacciono tutti gli stili; non ho ancora scelto il mio stile. O forse si: la cozza! Voglio aderire allo stile del ballerino di turno! E mi piace variare: un giro con lo spericolato, un giro con il fantasioso, un giro sul tram, un giro a girare…
    E poi a provare uno stile diverso cosa può succedere? Sono solo 10 minuti! Che sarà mai? Magari scopri che invece quello stile ti piace pure! Mettiamoci in gioco, stiamo rilassate e divertiamoci, così come viene!!!

  45. daikil ha detto:

    Io sono un novellino e devo dire che di 2 di picche “come si deve” dalle tanghère ne sento proprio pochi rispetto ad altri ambienti che ho frequentato, quello della salsa in particolare, e lo trovo molto bello. Dal canto mio cerco di non invitare le bravissime per non annoiarle troppo (a costo di sentirmi dire: “perchè non mi inviti mai?”), del lato estetico me ne frega poco o nulla, in fondo ballo, mica mi fidanzo. Poi i “no” ci stanno, anche senza grazie, ed io ci riproverò senza problemi (per qualche volta…), basta che 2 secondi dopo il “no” non veda volteggiare la negante in mezzo alla pista, in tal caso mi dispiace ma blacklist 😉 e sicuramente ne sarà contenta anche lei…

  46. panna ha detto:

    sarà ma io vado a ballare per divertirmi.
    quand giocavo a pallavolo c’erano delle partite che si rivelavano un’agonia ma era parte del gioco, nel tango ho la possibilità e diritto di decidere con chi ballare, quindi perchè dovrei costringermi ad un quarto d’ora di agonia? solo per far piacere al ballerino di turno?
    poi se dico di si ad uno è brutto dire di no all’altro … e quindi il quarto d’ora di trasforma in due, tre, quattro tande … a quel punto me ne sto a casa!
    Personalmente difendo il diritto di scegliere con chi ballare e di rifiutare, sempre con educazione e rispetto, il/la ballerino/a che non ci piace.

    senza contare che non tutti gli uomini recepiscono la non disponibilità..e di episodi ne avrei già a bizzeffe nonostante balli da appena un anno scarso e sono principiante.
    giusto stasera me ne stavo lontano dalla pista, a chiacchierare di gusto con una mia amica e arriva un tipo con cui da tempo ballo pochisssimo (agli inizi era piacevole, poi o sono cambiata io o lui ma il ballo non è più decisamente piacevole), ho gentilmente rifiutato e mi sono sorbita anche una ramanzina per il mio rifiuto!! O_O
    vabbeh scusate lo sfogo … su certe cose sono sempre un po’ sensibile.. 😛

    Dctango : sono della lontana Trieste 🙂

  47. lucy ha detto:

    i pochi no detti nella mia non breve carriera mi hanno guastato le serate.
    perchè la cosa più ignobile è quella che daikil ha appena descritto: dire di no a x e subito dopo ballare con y. io piuttosto non ballo più, se devo far stare male un ballerino non gradito.sono fatta così. se “stai male” se “sei stanca” stai male per un bel po’, non a singhiozzo. ho detto di no a x e subito dopo no anche a mio marito! e dio solo sa se mi costa. io sono per un librino, portato nel taschino della giacca o della camicia, sfoderato tipo arbitro, in cui il ballerino rifiutato fa le viste di cancellare il nome della
    se-negante. vedi un po’ quante creste si abbasserebbero! oppure, se permettete, quante concorrenti in meno: no, perchè, a 49 anni, taglia 48, quarta misura, sul viale del tramonto, sposata, e con un tanguero di quelli giusti, arranco un pochino a trovare inviti. alla bisogna,
    dottore, le manderò le mie radiografie. con il che metto fine al toto-lucy, lusingata di aver acceso la vostra curiosità, dispiaciuta di non potervi offrire il ritratto di una strafiga. ma lucy è intelligente sensibile bella dentro… vocina: rivoltala!

  48. Chiara Chiara ha detto:

    Io ribadisco che non c’è bisogno di dire di no. I modi per non farsi invitare sono infiniti! Basta fantasia e sovoir faire!
    😉

  49. panna ha detto:

    Perchè inventarsi scuse del “sto male”, “le scarpe strette”, “il mal di schiena” etc… basta un “no, ti ringrazio” con un sorriso e senza essere scontrose o scocciate. molto meno ipocrita e più onesto.
    questo nel caso ci sia un invito diretto, nonostante si abbia provato a far capire di non essere disponibile ad un invito.

    sarebbe curioso capire anche come gli uomini decidono quando è il caso o meno di invitare una donna, se si curano di capire se la donna è pronta ad accettare un invito o se vanno sempre e comunque modello “o la va o la spacca” o cosa fa capire loro che una donna non è “invitabile”…

  50. dctango dctango ha detto:

    Brava Panna, sono scuse odiose che fanno solo star male chi ti invita.
    Io l’anno scorso però, ritornando a quanto diceva daikil, ho invitato una che si lamentava che le faceva male una gamba, ha ballato due pezzi della tanda e alla fine sella serata scorazzava per la pista con un maestro…
    Panna….spero non “montata” !!! 😀

  51. Chiara Chiara ha detto:

    Non servono scuse. Ci sono tanti modi per far capire che non ti va di ballare in quel momento.
    Stai parlando con una amica, ti stai riposando, stai bevendo… ti si avvicina uno che vuole invitarti e tu, per un qualsiasi motivo non ne hai voglia…prima che apra bocca gli dici “ecco! vieni qui e sietiti con me. Cosa ne pensi di questa cosa?… Che fai domani?….” Se non è scemo capisce che non vuoi ballare. Se si vuole riposare ti fa compagnia, se vuole ballare ne va a cercare un’altra! E questo è solo un modo…..
    😉

  52. daikil ha detto:

    UAO, Chiara, questa è ottima… solo che la prossima volta ci riprovo perchè penso che forse non ballo troppo bene ma ti sono simpatico 😆

  53. lucy ha detto:

    gli unici a cui non mi preoccuperei di fare una cafonata della serie sorrisone no, grazie! sono sfinita e poi vai con milonga indiavolata con un altro sono i polli da milonga. ma i polli non vengono da me se no farebbe neve a luglio…ergo…

  54. Piero ha detto:

    Cari amici,
    personalmete non invito quasi più a voce (unichi eccezioni mia moglie e la mia vicepresidente di associazione). Le milongas di Buenos Aires mi hanno insegnato che la mirada può essere strategica anche qui.
    Se guardo una donna, conosciuta o no, che non ricambia il mio sguardo anche a distanza ravvicinata, per quella sera non provo più a mirarla.
    Se mi guarda parto con un sorriso: se viene ricambiato facce un cenno con il capo/cabezeo.
    Ritengo fondamentale per tutti, uomini e donne, di poter scegliere con chi ballare.
    Sono costretto ad accettare il ballo quando me lo chiedono amiche di vecchia data, anche a costo di danni all’apparato locomotore.

    Un soggiorno a Buenos Aires con frequentazione delle locali milonghe dovrebbe essere obbligatorio per tutti i ballerini di Tango.

    Anche se io ci sono stato dopo 6 anni di ballo.

    Complimenti a Niky per riuscire a trovare argomenti che stimolino la discussione.

    Piero Leli

  55. daikil ha detto:

    … e ma a quelli non importa nulla del ballo, quindi se dopo balli con un altro non ci rimangono male… basta che nel frattempo ne abbiano trovata un’altra … io invece sto lì che mi chiedo “ma perchè? in fondo mi bastavano due canzoncine… ” poi però guardo come balla il ballerino e capisco e mi adeguo … forse i 2 di picche sono terapeutici … in modiche quantità 😉

  56. lucy ha detto:

    come in tutti i fatti della vita, le “avversità” non possono arrivare ad intaccare troppo l’autostima se no è distruttivo. è per quello che evito di contribuire al malessere di un ballerino.

  57. dctango dctango ha detto:

    Hai ragione Piero,
    e aggiungerei che la soddisfazione che da’ un invito con mirada e cabeceo non lo da’ l’invito diretto. Se solo lo insegnassero anche a scuola….ma forse mancano delle scuole di tango autentico che non insegnino solo figure ma anche codici di comportamento.
    Grazie Piero, facciamo del nostro meglio per sviscerare le tematiche che più ci toccano e questa è una di quelle perchè….a chi non brucia un “no” secco o una scusa risibile ad un invito ? 😉

  58. dctango dctango ha detto:

    Si Daikill, se dopo 6 anni di tango prendo ancora qualche 2 di pikke vorrà dire che un motivo forse c’è. E questo sano dubbio deve essere instillato nei tangueros per spronarli a fare sempre meglio e a correggersi, ad essere autocritici…etc…

  59. Chiara Chiara ha detto:

    Ciao Piero.
    >Un soggiorno a Buenos Aires con frequentazione delle locali milonghe dovrebbe essere obbligatorio per tutti i ballerini di Tango.

    Non sono d’accordo. Con tutte le fonti informative che ci sono al giorno d’oggi non serve! Basta aprire le orecchie…e gli occhi!!!
    Un abbraccio

  60. dctango dctango ha detto:

    Però Chiara,
    non per fare l’avvocato di Piero, che non ne ha bisogno, una cosa che ho notato in Italia è una diffusa mancanza del senso del ritmo e della musicalità cosa che a quanto pare, da quello che mi raccontano, in Argentina c’è ed è sacro. Non so se siano veramente miti…
    E poi credo che una volta provata quella pioggia di sguardi che si incrociano quando entri in una milonga portena difficilmente te lo dimentichi o riesci facilmente a farne a meno.
    😀

  61. Chiara Chiara ha detto:

    Perchè? Andando a BsAs si impara il compas? Si imparano i codici della milonga? Forse se ci stai tanto tempo e tante volte!
    Di turisti tangueros a BsAs ne abbiamo piene le milonghe….e non mi pare…..
    🙂

  62. dctango dctango ha detto:

    No, forse e sottolineo forse, impari a vedere como se baila el tango…
    Certamente nello stretto giro di una vacanza non si riesce ad apprendere a sufficienza la tecnica o il compas per i quali sappiamo ci vogliono anni di studio, ma impari come dovrebbe essere.
    Poi tutto è relativo, per esempio una mia conoscente argentina diceva di conoscere da anni gente argentina che dopo tanto tempo continuava a ballare male e contro tempo, nonostante tanti anni di lezioni e di pratica in milonga.

  63. lucy ha detto:

    che uno si faccia venire i dubbi e le paure perchè vede como se baila dai soliti tornati folgorati dal sinai (bs.as.) con le tavole della legge tanguera proprio no, eh! io certi li trovo patetici. e che le ballerine si straccino le vesti per loro e dicano per esempio di no (dò una sterzata in topic) ad un nostrano non ancora illuminato, mettendolo in crisi, eh no eh nooo!

  64. dctango dctango ha detto:

    Beh, questo proprio no. Però un viaggetto lì può aprire i propri orizzonti tangueri.

  65. lucy ha detto:

    oh yes, cum grano salis. se no, scendi!

  66. Dori ha detto:

    Mamma mia ,quanta carne al fuoco!!
    Questione “grazie si-grazie no”:come sempre la famosa virtus…
    fondamentalmente sono d’accordo con Panna.Trovo un po’ ipocrita fingere un piacere che piacere non è,sono cosi’ anche nella vita,e a cinquant’anni non cambio, neppure nel tango.
    Tengo a sottolineare comunque che i miei no sono molto sporadici ed occasionali,e sopratutto nei confronti di chi non solo non mi va come ballerino, ma come persona.Eh, raga capita!! Chi non ha neppure una persona che gli sta sui maroni scagli la prima pietra!!!Tanto solitamente quelli cui do il due di picche il piu’ delle volte sono sempre in pista…con altre ballerine, piu’ simpatiche di me.e comunque siamo adulti, se siamo in grado di sopportare le piccole frustrazioni nella vita..saremo pur in grado di soppotare un no in milonga!non si suicida mica nessuno!Al massimo gli girano un po’ i cosiddetti…bon, morta là!

    Poi capisco anche lo spirito da “crocerossina” di Lucy(smuak!),anch’io non rifiuto un invito di uno sfigato che magari balla come un cane e non riesce a rimediare una ballerina neppure a pagamento!!!
    E capisco anche le mujeres che accettano altrimenti rischiano di far tapezzeria tutta sera,io ho la fortuna che,bene o male,qualche tanda me la faccio, se non altro perchè vado in milonga sempre accompagnata.Ma è dura rifiutare un invito, se magari è l’unico della serata!:-)
    Questione Baires si-Baires no:sicuramente c’è gente che, anche dopo un viaggio nella capitale del tango,non “porta a casa “nulla di utile:un po’ come quando andiamo a Monaco di Baviera:guai a buttare in terra anche solo una carta di caramella!Poi, tornati in Italia…magari buttiamo la spazzatura dalla finestra.Ma a questi non servirebbe neppure un viaggio a Lourdes.
    Invece i ballerini umili ed intelligenti(purtropo non tutti lo sono:-)magari dopo Baires cambiano “modo”di stare in milonga e di relazionarsi con gli altri.E questo fa bene anche a noi,che a Baires non ci siamo(o non ci siamo ancora stati)..e chissà mai se ci andremo..;-))))
    Un bacio alle schizzinose, un bacio alle crocerossine!
    E un bacio anche a quelli che hanno ricevuto dei no!!Per favore siate “maschi” e non piangetevi addosso..magari chissà quanti si avrete ricevuto in altri contesti…
    Dori
    Dori

  67. lucy ha detto:

    no, crocerossina no. vi prego…

  68. Dori ha detto:

    Ma si’, dai! Una deliziosa crocerossina!
    Un bacione!:-))

  69. Stefano ha detto:

    I due di picche ci stanno e devono servire ad una sana autocritica che fa sempre bene.
    Però pienamente d’accordo con daikil, ‘…basta che 2 secondi dopo il “no” non veda volteggiare la negante in mezzo alla pista, in tal caso mi dispiace ma blacklist….’
    A me è capitato un invito andato a buon fine ma con la premessa “stasera sto male, mi sento svenire”, quindi un tango solo. Dopo 5 minuti la gentil donzella roteava nella pista senza toccare i piedi per terra ihihihih……

  70. dctango dctango ha detto:

    Il tuo intervento mai così “inopportuno”, fu invece così “gradito” !!!
    Amo che ogni tanto si riprendano vecchi post. In questo “caso mal comune mezzo gaudio”, Stefano, a me capitò con una che aveva veramente male ad una gamba ed interruppe la tanda per questo motivo, tornando tutta sofferente al suo posto, così come l’avevo trovata. Alla fine della serata deve esser avvenuto una specie di miracolo quando l’ha invitata a ballare un maestro e lì mi son girate un po’. E’ da un anno in purgatorio, ma non mi dispiace perchè non mi stava neanche un gran che simpatica e questo è importantissimo. 😀
    Benvenuto.

  71. dctango dctango ha detto:

    Naturalmente scherzavo dicendo che sei stato inopportuno… 😀
    Credo anzi che troppi pochi uomini siano intervenuti adeguatamente su questo post che era dedicato a loro.
    Il prossimo sarà dedicato invece alle nostre amate ragazze. 😀

  72. Stefano ha detto:

    Tranquillo Niky 😀
    sono stato via per il ponte e leggo adesso tutti i post che mi sono perso…

  73. dctango dctango ha detto:

    Certo, certo…

  74. Chiara Chiara ha detto:

    Bravo che poi ti interrogo!
    😉
    😀

  75. ruzzolone ha detto:

    io alle ballerine che mi dicono no, infilo il bambù sotto le unghie dei piedi, tagliuzzo con le lamette i lobi delle orecchie e poi faccio strisciare le unghie sulla lavagna

  76. Dori ha detto:

    Ma leghi anche i polsi con le manette????
    Evvai col tangosadomaso!:O)))

  77. lucy ha detto:

    ma il nick “ruzzolone” ha a che fare con la pista, con i no un po’ energici delle donne, con che?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*