Le frasi del tango: Recien

PUBBLICATO IL 8 novembre 2007

Ci sarebbe tanto da dire sulle frasi di tango, che non si sa da dove iniziare. Quindi bisogna lasciarsi andare al sentire (come sentimento, non udito). Ecco un tango dolcissimo, non banale, non volgare, come lo é l’autore delle parole. Il tango si intitola Recién (or ora; in questo momento appena passato) del 1943. La musica è di un’altro grandissimo, Osvaldo Pedro Pugliese. I tangheri lo ballano e ascoltano spesso nelle “milongas” in due interpretazioni: quella della orch. di Ricardo Tanturi con la voce di Enrique Campos (ascoltalo QUI), e l’altra, forse meno conosciuta ma molto coinvolgente, della orch. di Pedro Laurenz con la voce di Alberto Podestà. Pugliese lo registrò molto più tardi, il 10 ott. del 1980 con il suo cantante Abel Córdoba (ascoltala QUI).

La solita separazione della coppia, ma questa volta se ne va lui:… “Avevo meno anni ed il cuore imprudente, per sentieri dell’inganno rotolò rudemente…Mi amavi tanto e tanto che mi stancò la tua tristezza e per non sentire il tuo pianto preferii non vederti più”. Ma il bello deve venire:

Hoy, recién, recién,
Oggi, recién, recién,
miro las cosas sin sombras ni mentiras
vedo le cose senza ombre ne bugie
y comprendo cuánto enseñan
e comprendo quanto insegnano
las lecciones de la vida.
le lezioni della vita.
Hoy, al retornar,
Oggi, ritornando,
pansé encontrar el reproche de tu olvido
pensavo di trovare il rimprovero del tuo oblio
y tan solo hallé el CASTIGO
e soltanto trovai il CASTIGO
de todo tu PERDON.
di tutto il tuo PERDONO.

Le parole sono di HomeroManzi” Manzione. Quest’anno ricorre il centenario della sua nascita. Un poeta popolare che usava parole eleganti senza mai allontanarsi dal sentimento popolare. Sempre impegnato in politica col fine di dare riscatto e dignità ad un popolo oppresso. Una delle sue frasi: sono contro la “inferiorización” dell’uomo.
Inizia a scrivere “valsesitos”: Valsesito de antes ’22, a su memoria ’25. Uno dei primi tanghi: Viejo ciego ’26, le prime milonghe: Milonga sentimental ’31, Milonga del 900 ’32. Arrivando a circa 250 opere tra cui Malena ’41, Barrio de Tango ‘42, Desde el Alma ‘47, Sur ‘48, ecc. Ha scritto oltre 20 sceneggiature di opere cinematografiche e teatrali. Nasce il 1 novembre del 1907, muore il 3 Maggio del 1951…..e vorrei concludere con una sua frase tratta da Monte Criollo, dell’anno 1935.

Cuarenta cartones pintados
Quaranta cartoncini dipinti
con palos de ensueño, de engaño y amor.
con semi di sogno, d’inganno ed amore.
La vida es un mazo marcado,
La vita è un mazzo truccato,
baraja los naipes la mano de Dios.
mescola le carte la mano di Dio.

Patricio

ARTICOLI CORRELATI #

2 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Ciao Patricio!
    benvenuto fra noi! Un pò di novità ci farà proprio bene.
    Un abrazo
    Chiara

  2. Patricio Patricio ha detto:

    Ciao a tutti.
    Cercherò di farvi compagnia il più possibile, compatibilmente con i numerosi impegni. 🙂
    Patricio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*