Cortìna Musicàl: Unforgettable

PUBBLICATO IL 17 dicembre 2007

ARTICOLI CORRELATI #

14 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    E come fai a non ballarla?
    🙂

  2. dctango dctango ha detto:

    Ma infatti se noti moltissime delle mie proposte come cortina sono ballabili. Per quanto mi riguarda l’importante è che non me le ballino a tango. 😉

  3. Chiara Chiara ha detto:

    E cosa fai? Ti armi di cartellino rosso e se le ballano a tango li espelli dalla pista?
    😉
    Questa ad esempio è ballabilissima a tango. Un bel quadrato milonguero, stretto stretto, guancia a guancia…mmmmm!
    🙂

  4. dctango dctango ha detto:

    Por favòr Chiara mi fai accapponare la pelle… 😀 😀 😀
    Mi dispiace ma non mi trovi d’accordo. 😉
    No, il cartellino rosso giammai, io sono uno di quelli della serie “il cliente ha sempre ragione” e se si diverte che la balli pure a menaito. Io mi riservo la libertà di farmi accapponare la pelle. 😀

  5. dctango dctango ha detto:

    Anche se sono Musicalizador di primo pelo mi sono accorto di una cosa: di solito si fermano a ballare anche la cortina persone che già si conoscono, spesso coppie. Almeno nelle mie serate l’ho notato. E talvolta sono coppie che ballano soprattutto tra di loro, ma chiaramente non si può generalizzare.
    Io penso che il dramma sarebbe se ballassero un brano senza accorgersi che è una cortina, pensando che sia la prosecuzione della tanda 🙁 🙁 🙁

  6. dctango dctango ha detto:

    P.S.
    A me non disturba che ballino anche la cortina.
    Nelle mie ultime serate ho messo diversi pezzi di liscio dal fox al valzer, a un tango italiano, charleston, ed ho notato che la gente divertita si fermava a cantare i pezzi o addirittura a ballarli. Perchè no ? 😀

  7. Chiara Chiara ha detto:

    O si!
    Questo sarebbe deprecabile (ballarla senza sapere che non è tango!)…ma fino a che punto?
    Sai quanti ballano “Oblivion”, o “Milonga triste” di Diaz, senza sapere che si tratta di milonghe?
    🙂
    Fate largo! C’è posto per tutti!!!
    🙂

  8. dctango dctango ha detto:

    E’ vero, un tango para milonguita, oblivion, milonga triste, tango to tes nefelis (Tango greco) sono un’area grigia in cui tutti si muovono un po’ come vogliono….

  9. Dori ha detto:

    Un pezzo musicale si puo’ suonare…ascoltare…ballare..
    Io te le ballo le tue cortine, Niky!Soprattutto quando mi metti fox, valzer lento e(wow)rumba!!!Per fortuna distinguo e non ballo tutto come fosse tango!!!!

  10. dctango dctango ha detto:

    E’ vero Dori, penso che questo sia essenziale, altrimenti mi verrebbe il voltastomaco a vedere un fox ballato come un tango.
    Per il resto l’importante è che la gente si diverta ed una cortina può essere la giusta oppiortunità per farlo.
    L’altra sera quando siete andati via al “Sabòr Milonguero” sono arrivati dei ragazzi giovani, credo principianti di tango. Alla fine quando avevo già messo via il pc hanno chiesto a Pasquale una salsa !!! Ma dico la bocca dove ce l’hanno ??? Se me la chiedevano ce l’avevo giusto in scaletta e non l’avevo messa per farli tanguear un po’ di più….

  11. dctango dctango ha detto:

    Naturalmente sono rimasto molto ben impressionato dal fatto che il locale cominci a riempirsi un po’ di più. Credo che sia una giusta alternativa alle milonghe più tradizionali: della serie “meglio cambiare, neh”, ogni tanto….

  12. maniacus ha detto:

    sarò tradizionalista, ma a me piace che la cortina non si balli

  13. dctango dctango ha detto:

    Su questa cosa non saprei dare un giudizio definitivo nel senso che va a gusti e voler imporre il proprio gusto può essere facile dopo tanti anni di esperienza, quando si è musicalizadores ormai noti e blasonati, ma non all’inizio. Personalmente adesso seguo molto l’istinto e questo mi induce a mettere cortine belle, anche ballabili, magari che inducono a cantare o solamente ad accennare qualche passo di fox o charleston tanto per fare un esempio e leggo che anche Chiara, che musicalizza da più tempo di me, non si discosta molto da questa pratica.

    Per Chiara: in passato, se non sbaglio, mi dicesti che anche tu metti pezzi non necessariamente di stacco, ma che siano belle canzoni etc. etc. etc.

    Poi se uno c’ha voglia di ballare ti balla anche una cortina imballabile.

  14. deborah deborah ha detto:

    Noto in effetti un pò di confusione in giro: cortina appena accennata ballata in tutti i modi, poi cortina intera con pista vuota…. non è facile capire le regole, ammesso che ce ne siano. A Buenos Aires come funziona? Forse qualcuno l’ha già detto e me lo sono perso?
    Personalmente ballo solo qualche salsa ogni tanto, quando la pista si riempie e si intuisce che il brano continuerà fino alla fine.
    Comunque chi ha voglia e si diverte balli pure ciò che vuole, non mi disturba.
    Anzi adesso che ci penso una volta ho ballato anche “Buonanotte fiorellino” di De Gregori, la sigla di chiusura dell’amico “Sandro 051” di Bologna, che spasso!
    Deb.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*