Tango: robba roccocò … parola di Aristogatti!

PUBBLICATO IL 9 gennaio 2008

Nel cartone di Walt Disney, Gli Aristogatti, i protagonisti cantano la simpaticissima Tutti quanti voglion fare il Jazz.

Come avrete sentito nel simpatico filmato (carino l’accenno di un organetto!), le prime strofe della canzoncina della versione italiana dicono:

Tutti quanti voglion fare il jazz
perché resister non si può al ritmo del jazz. Giusto!!!
Samba, rumba, rock’n roll, twist o cha cha cha
lo stesso prurito nun te dà… robba che non va!
La polka e il rondò come il tango e il foxtrot, robba roccocò.
Se tu li senti suonar ti faran ricordar l’arca di Noè. Zzazazaza olè!

Col jazz ti senti giovane perché hai voglia di ballare ben, più forte di te;
perché non provi ed anche tu saprai com’è che tutti quanti voglion fare il jazz.
La polka e il rondò, come il tango e il foxtrot robba roccocò.
Roba che non si usa … se tu li senti suonar ti faran ricordar l’arca di Noè
E’ roba da matusa!!!

Anche voi pensate che il tango sia robba da matusa?
A che età avete iniziato?
So di bambini, soprattutto in BsAs, che iniziano prestissimo, ma secondo voi a che età si può iniziare ad apprezzare il Tango, la sua musica, il suo ballo?

Per completezza di cronaca devo dire che nel film originale degli Aristocats il brano si intitola Everybody wants to be a Cat e nell’allegra combriccola che suona, c’è anche un simpatico gatto “italiano” che immancabilmente suona l’organetto e accoglie Romeo con un biscicato “bonassera paisano!” … davvero spassoso. Potete vedere la versione originale QUI. Tutt’altra cosa! E da come si divertono viene facile pensare che tutti vogliano fare i gatti! … O si divertono di più le papere?  😉

Un caro saluto
Chiara

ARTICOLI CORRELATI #

19 commenti

  1. lucy ha detto:

    mi pare che l’età giovanile e l’inesperienza delle umane cose non siano proficue per un apprendimento “sentito” del tango. imparare il tango come un gioco può essere tecnicamente utile, ma un po’ falsato. ai giovani nostrani generalmente non piace prima dei trent’anni e qui al nord più che al sud. esempio concreto: la mi figliola potrebbe fare scintille, se solo volesse, ma trova tutte le scuse per non venire a ballare o per non studiare un po’. il suo ragazzo, ben più grande e più “vissuto”, invece mostra di apprezzare. ci vuole un fondo malinconico, magari mescolato dialetticamente con una natura in gran parte luminosa, ma ci vuole: e questo te lo dà l’esperienza, il dolore, la nostalgia (vedi le stesse canzoni a tango). l’età media si sta abbassando, soprattutto laddove si insegna (vero o presunto) “nuevo”, ma mi pare ancora che il tango sia cosa da adulti. veramente così lo hanno definito anche diversi miei maestri.
    IMHO ;-))

  2. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Concordo pienamente,

    aggiungo che una donna “matura” è sempre più interessante di una ragazzina! 🙂
    Nel senso che magari riesci anche a parlarci…

  3. Chiara Chiara ha detto:

    Poi secondo me il tango ha i suoi tempi.
    Magari ti cattura con lo specchietto di musiche elettroniche e movimenti atletici…poi quando lo incontri veramente…col tempo…non hai più scampo!
    Ma ciascuno ha i suoi tempi!
    😉

  4. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    E comunque, a proposito di tempi, bisogna aver lunghi anni dietro le spalle, per pensare “non posso più aspettare per imparare un ballo che richiede anni di apprendimento!”, no?

  5. doribaby doribaby ha detto:

    D’accordo con cio’ che dice Lucy.( te pareva?:-)
    Però io ho un rimpianto:hoimparato “troppo” tardi, quindi, penso, non saro’ mai brava-brava.Però mi gusto cio’ che mi arriva..
    In compenso investo e fantastico su mio figlio, che ha solo 26 anni, adora il tango e ha..tutta una vita per scoprirlo!

  6. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    attenta coi figli! è sbagliato sperare da loro “quello che non sei riuscita a fare per te, sei a rischio delusione!

  7. Chiara Chiara ha detto:

    Dori non capisco.
    Chi ti da il diploma di Brava-brava? Visto che in questi giorni si parla di diplomi! 😉
    Cosa intendi per brava-brava? fare le capriole stile opplà!?
    😆

  8. lucy ha detto:

    se capisco cosa vuol dire dori, talora può venir volgia di fare un salto o un finale con sentada e sforbiciata di un bel par de gambe stile vedo tanga! si può fare, ma con una fatica che alla trentenne che va, oltrettutto, in palestra, non costa affatto. e poi: “andando avanti”: il pannolone avrà il suo ingombro: questo perchè, nel mio futuro, se appena appena starò ancora sulle gambe da sola, ballerò ballerò ballerò come carmencita calderon, la piba sin tiempo.

  9. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Pannolone???

    A quando la rubrica “vedo Lines?”

  10. doribaby doribaby ha detto:

    No, no Chiara, non cerco diplomi!!
    🙂
    Per brava -brava intendo una che fa venir voglia di ballare con lei e che impara sempre cose nuove con facilità!! Invece, invecchiando, le difficoltà di …comprensione..aumentano!Anzi, a volte, si ..dimentica cio’ che “sembrava” ben digerito!!
    Lucy:ma dici che il nostro badante preferito provvederà anche al cambio di pannolone??
    😉
    😉

  11. lucy ha detto:

    invecchierà anche lui, dori, e gli diremo di tagliarsi i capelli, finalmente!

    ema: a parte che è il mio nome (nella variante familiare con intenzioni affettuose), ma io mi identifico molto con Lucy…
    la Lucy dei fumetti di Lines!

  12. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    Scusa??? com’è che ti chiami?
    Ma non sei Lucy (o Lucia…)?

    (…porta pazienza la mia mancanza di lucidità, sarà la teresina…)

  13. lucy ha detto:

    sì la teresina o_O …lucy! ma…lassia perdere…;-)

  14. emanueleemanuel emanueleemanuel ha detto:

    ah, adesso ho capito… è proprio teresina la mia! avevo capito che ti chiamassi linus o qualcosa del genere…

    (però tu che sarai quanto meno professoressa di italiano o di latino, potresti essere un po’ più didascalica nei tuoi post, a beneficio del mio ultimo neurone, che è già sovraccarico!)

  15. lucy ha detto:

    è che per trabajo sono più che didascalica (co sti fioi de ancuo che no capisse niente!), e, ad una certa ora la dida si dissolve come neve al sole. con gli adulti sono poco paziente di mio. specie se hanno troppe fisime. non è il tuo caso. anche perchè (facciamo che te lo sussurro?) sei sempre scherzoso ma gentile persino con me!
    feme ndar che go un scrutigno! poaréti!

  16. motogio ha detto:

    ciao Dori
    non preoccuparti, prima o poi incontrerai Giò (Paperoga) e allora faremo scorpacciate de sintadas, salti, sacadas, evoluzioni e giri in stile passo-piuma, cunidas estreme y bajandose al piso, nonché i tanto discussi pasos originales 🙂

    besos

  17. lucy ha detto:

    io che ho solo assaggiato posso garantire sulla qualità! ciao gio’!

  18. doribaby doribaby ha detto:

    Grazie Gio’! Sopratutto per la fiducia!!!!Non ho capito neppure tanto bene quello che VORRESTI(smuak!)farmi fare!!!
    Ma aspetto con ansia sia te che paperina qui a Milano.
    Besos
    😉

  19. motogio ha detto:

    Lucy, ti prego.
    Non turbare le mie notti insonni!

    (scherzo)

    Dory hasta pronto!

    Intendo ringraziare pubblicamente la pianta di Ginseng che la natura meravigliosa ci ha regalato.
    (sicuramente vi starete interrogando su quale razza di circonvoluzioni fanno i miei neuroni…)

    besos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*