Vai piano che è tardi… !

PUBBLICATO IL 3 febbraio 2008

Volevo evidenziare un’altra analogia tra il tango e il canto.
La cosa più impegnativa da affrontare studiando canto moderno è l’uso della muscolatura che gestisce le corde vocali.
Chi si approccia a quest’ arte tende a cantare così come parla ovvero “manovrando” le corde, tramite i muscoli correlati, tirandole e stendendole per produrre l’intonazione e facendo uscire l’aria espirando con l’intera gabbia toracica.
Nella tecnica di canto moderno o detta anche “a corde libere” (qui di solito nasce una discussione come tra salon e milonghero) invece si impara a manovrare pochissimo con i muscoli le corde e lasciare che sia la colonna d’aria, data dalla pressione che il diaframma esercita sulla parte bassa dei polmoni, a produrre il suono, passando attraverso le corde “libere”. Ne risulterà un timbro piu naturale piu ricco di armoniche meno affaticante e nel tempo produrrà meno danni; questa tecnica infatti è studiata anche da chi parla a lungo per lavoro come gli insegnanti, chi fa conferenze, guide turistiche e simili, proprio per diminuire i rischi di malattie professionali.
Per fare questo è indispensabile imparare a rilassarsi, mettendo la muscolatura in grado di accettare i cambiamenti che le vengono richiesti.

Così nel ballo imparando a rilassare tutti i muscoli del corpo avremmo movimenti più fluidi, più stabilità nell’appoggio del piede e più precisione nei passi.
Anche la nostra ballerina/o percepirà una sensazione più gradevole a tutto vantaggio della comunicazione sia tecnica, intenzione e marca, sia emotivo/sentimentale.
Come al solito tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare (come da qua a BsAs), e gioca un ruolo determinate non solo il proprio temperamento, ma anche l’andamento della giornata, se hai appena litigato a sangue con il fidanzato/a o ti hanno recapitato una bolletta dell’acqua da 1500 euro hai voglia a comunicare calma e sicurezza ….

stress

Quando mi accorgo che sto un pò sull’agitato mi impongo di andare piano, già per strada andando alla milonga, non più dei 50 km/h, poi quando arrivo, i 20 scalini che mi portano alla sala da ballo, li faccio a rallentatore, uno alla volta…..poi mi cambio le scarpe… piano….. entro in sala ……e via, come viene…….. Per me funziona e anche alcune ballerine hanno notato la differenza.
E voi cosa fate di particolare che vi aiuta a predisporvi per il tango ?

ARTICOLI CORRELATI #

69 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Mah! io arrivo quasi sempre in milonga un pò trafelata, soprattutto quando sono responsabile dell’organizzazione.
    Sistemo tutto poi, fra le braccia del ballerino cerco di rilassrmi il più possibile (siamo qui per questo no?) e per farlo mi servo molto del respiro. Penso al mio respiro. E ascolto la musica. Generalmente funziona!
    🙂

  2. maniacus ha detto:

    Io sono per la scuola napoletana: O tango non vuole pensieri! 😉

  3. Chiara Chiara ha detto:

    Ma non era un’altra la cosa che non vuole pensieri!? 😉
    Se ti sente dc!!!
    😆

  4. doribaby doribaby ha detto:

    Per me è uno scacciapensieri!!!!!
    🙂

  5. Alberto Alberto ha detto:

    Ballo spesso con una ragazza che ha iniziato da poco e si beve un bel bicchiere di vino, prima…..
    Poi balla più disinvolta, dice che lo fa per vincere la timidezza….
    In realtà all’inizio i bicchieri erano più di uno, ma poi aveva problemi di asse…. così ha optato per il “minimo sindacale concesso”…
    Se la cava bene, negli ultimi tempi ha fatto molti progressi….
    A ben pensarci ha uno strano modo d’essere timida una volta si è avvicinata è mi ha detto “siccome non ho il coraggio di aspettare che mi inviti, balliamo subito!”
    Saranno i miracoli del tango? 🙂

  6. Niky ha detto:

    Ommmmm !!! 😆

  7. Niky ha detto:

    Ascolto molta musica, praticamente dalla mattina alla sera, o quasi !

  8. Niky ha detto:

    Ieri ho ballato con una principiante perchè ho notato che si abbandonava molto disinvoltamente tra le braccia dell’uomo: relax !!!

  9. maniacus ha detto:

    In genere le principianti che ballano con i più esperti sono dure come il legno, più di una volta mi è capitato di ballare con ballerine che tremavano—- sarà l’ansia da prestazione?

  10. Niky ha detto:

    Vero anche questa era un po’ impacciata però si abbandonava…e già questo è un vantaggio.

  11. marina2312 marina2312 ha detto:

    Non ho un sistema per rilassarmi, di solito è abbastanza automatico: sento la musica e la testa si svuota…

    Il mio problema semmai è riscaldarmi: quando ho i muscoli freddi, la schiena diventa dura e i tempi di reazione si dilatano: lo prima tanda è una tragedia!!! Di solito cerco di farla con un amico, se sono un una milonga “domestica” o con qualche principiante volenteroso se sono in trasferta: non c’è niente di peggio che essere invitata dal miglior ballerino della sala quando la schiena non ne vuole sapere di stargli dietro!!!

    Besos
    Marina

  12. lucy ha detto:

    posso essere tesa come una corda di violino, ma quando sento la musica entro in un’altra dimensione e ci resto tutta la sera (dipende da quanto ballo). se la musica non è, però, di mio gradimento, tipo troppo rodolfo biagi, troppo sincopato, faccio fatica a rilassarmi: il mondo di qua mi richiama indietro. la prima tanda anche per me è sempre una sofferenza: arti estranei, consapevolezza di avere una schiena. se è costituita da musiche “strappamutande” mi scoccia un po’perchè non me la gusto appieno.
    poi, come dico, tutto prende il suo corso, il più naturale che c’è.

  13. dctango dctango ha detto:

    A proposito di…
    Biagi. Io non lo metto sempre ma una tandina ogni tanto ci scappa e per me è una goduria. Comunque per te Lucy sempre Di Sarli (di solito anche 2 tande), promesso se verrai a trovarmi (improbabile) 😀

  14. lucy ha detto:

    e fresedo? e canaro? e qualche interpretazione di mariano mores, tipo “tanguera” en vivo?

  15. dctango dctango ha detto:

    Meglio Tanguera Sexteto Mayor (ha ragione Chiara)
    Fresedo me gusta mucho lo metto sempre verso la fine…ma per te Di Sarli !!! 😆

  16. lucy ha detto:

    che c’è in di sarli che mi si ritaglia? che so’, per mia stessa dichiarazzzione, “principiante eterna”?

  17. maniacus ha detto:

    Ma secondo voi quali sono i tanghi (o gli esecutori) più ….. STRAPPAMUTANDE?

  18. dctango dctango ha detto:

    No al contrario hai dichiarato in passato di adorare la cumparsita di DI Sarli (preferisco D’Arienzo e De Angelis). Ma perchè tutti associano Di Sarli all’essere principianti ? Lo so mascherine, lo so, ritmo scandito, solenne, ma non era per questo che te lo associavo. Mi ispiri Di Sarli – che è un grande – e basta. 😀

  19. dctango dctango ha detto:

    Strappamutande ? Pugliese ! E non chiedetemi perchè !

  20. Chiara Chiara ha detto:

    Fresedo alla fine!!! Dopo Di Sarli!!! Ma non staremo scherzando! 🙂
    E’ vero che i maestri son contenti quando gli allievi li superano, ma… ne siamo proprio sicuri? 😉
    Sarà che adoro Fresedo!

    Per rispondere a Marina, ieri, mi infilo le scarpe e mi siedo. Di solito la prima tanda la regalo a Gio. Parte il Piazzolliano Preparense proprio nella tanda di Fresedo, e mi invita “lo straniero” della milonga; un bel giovanotto alto alto che scopro poi essere di Milano (tale Alessandro). Ohi mama! Così a freddo? Poi mi son detta: “e chissene…tanto anche lui è freddo; poi cosa vuoi che sia un tango dopo aver, per anni, tirato calci a freddo, nelle arti marziali!?”…E infatti mi son rilassata e goduta la tanda, iniziando proprio bene la serata. 🙂

  21. dctango dctango ha detto:

    Cara Chiara, il diletto discepolo è informato e sa che a BAires mettono Fresedo dopo Di Sarli per rispetto al secondo che sarebbe stato suo maestro (ma non ho verificato). Comunque ho detto verso la fine non alla fine. La fine la riservo a tanghi elettronici ed alternativi.

  22. dctango dctango ha detto:

    COmunque confesso di aver strappato delle mutande anche con tanghi di Di Sarli… 😀

  23. Chiara Chiara ha detto:

    Strappamutande?
    Un bel tris di milonghe a tutto gas (a todo trapo!), magari proprio di Fresedo (tanto per restare in tema). Dopo una cavalcata di tre miloghe, l’adrenalina è assicurata! …. 🙂

  24. maniacus ha detto:

    Chi è riuscito a “strappare…” con D’arienzo?

  25. dctango dctango ha detto:

    Ci avevo pensato ma forse solo “loca” mi fa tirare la mutandina…troppo ritmato.

  26. dctango dctango ha detto:

    Osti dimeticavo De Angelis quello si che è strappamutande !!!

  27. lucy ha detto:

    a dire il vero la cumparsita di de angelis è più sul genere strappacose!

  28. dctango dctango ha detto:

    Eppure al mio amico Vincenzo piace da morire e anche a me piace. De gustibus ragassuole. 😀

  29. maniacus ha detto:

    Anche Sassone e Algredo Gobbi consentono buone strappate, cosa ne dite?

  30. dctango dctango ha detto:

    Danzarìn di Sassone per strappare bene ! Ma anche di Fresedo !

  31. Chiara Chiara ha detto:

    Di Dc sapevamo…ma cominciamo a capire il perchè dell’appellativo maniacus!
    Ma vi fanno un corso speciale nella facoltà di medicina? O sono le infermiere in camice bianco stile Garfagna che ispirano?
    🙂

  32. maniacus ha detto:

    Troilo e certi momenti di Piazzolla sono tra i più intriganti, anche se mi rendo conto che non sono facilmente ballabili

  33. dctango dctango ha detto:

    La seconda 😆

  34. lucy ha detto:

    anche a me mi sa tanto che sti medici… e si che ne vedono… forse vedono troppe “vecchie e laide” e se vonno rifa’, oppure nun j’ abbasta mai!

  35. dctango dctango ha detto:

    Ancora la seconda !!! 😆

  36. dctango dctango ha detto:

    Mi hanno appena detto che essendo medico mi sputtano a fare il DJ: ma si può essere così retrò ???

  37. dctango dctango ha detto:

    Ma scusa Chiara, tu mi fai vedere queste foto così equivoche delle tue amiche in mutandine e reggiseno e cosa ti aspetti ??? 😉

  38. Chiara Chiara ha detto:

    Semmai è il contrario!!!
    🙂

  39. dctango dctango ha detto:

    Essendo Dj mi sputtano a fare i medico ??? Non ci capisco più niente !!!

  40. lucy ha detto:

    ma va là! noi utenti, moooolto pazienti, invece, non ne possiamo più di medici imbronciati e compresi nella parte. magari si potesse parlare di musica, soprattutto in certi momenti.

  41. dctango dctango ha detto:

    Si, in effetti il soggetto è un po’ “vetero”. Il vero scandalo semmai è che ormai ci pagano così poco (rispetto a prima) che in una serata da musicalizador guadagno quello che guadagno in una mezza giornata di intra moenia.

  42. maniacus ha detto:

    Il neologismo Strappamutande (peraltro efficacissimo) non l’ho scritto per primo io, e poi, visto che sono anche geriatra, mi pare divertente ironizzare su altri aspetti che non siano atrosici.
    Per me in milonga ci sono solo uomini e donne, non ci sono ruoli professionali…. ma chi è sta Garfagna? 😆

  43. dctango dctango ha detto:

    Deputata di Forza Italia credo, soubrette.

  44. maniacus ha detto:

    Meglio la simona della foto almeno è vera e non plastificata

  45. dctango dctango ha detto:

    No, maniacus, mi mettono la croce perchè mi sono creato una seconda attività !!! Tra l’altro ne faccio talmente poche di serate che gli introiti sono a dir poco trascurabili…

  46. dctango dctango ha detto:

    La Garfagna è plastificata ? Più “ficata” che “plasti” direi

  47. lucy ha detto:

    il neologismo è di area veneta e in origine sarebbe “sbregamudande” come dire che le mutande si strappano da sè al solo sentire le prime note giuste.
    la garfagna era una velina o similia, credo, all’epoca di drive-in con un camice abbottonato al terzo bottone su un push-up con contenuto vero o rifatto. infermiere così non se ne vedono più: ora mi paiono tutte karateke.

  48. maniacus ha detto:

    Non ti curar di loro ma guarda e strappa

  49. dctango dctango ha detto:

    Vogliamo parlare della nuova velina di Striscia, la biondina ???

  50. maniacus ha detto:

    A me non piace molto la gnocca televisiva ;-), la trovo troppo banale e conformista

  51. marina2312 marina2312 ha detto:

    E’ dura starvi dietro, ragazzi, ma di che si parlava? Di come rilassarsi in milonga? Come si è finiti a parlare di tanghi “srappamutande”?

    Comunque io ho un’insana passione per i tanghi cantati, spacie se di Calo’…

    E’ grave, dottore?

  52. dctango dctango ha detto:

    Io la troco gnocca. Meglio certo la tanguera dal vivo !

  53. maniacus ha detto:

    Per marina: magari al compas del corazon, oppure una emocion

  54. Chiara Chiara ha detto:

    Hai ragione Marina.
    Abbiamo creato la pagina Charlemos appositamente, ma dc è strabordante di natura!!
    E noi lo adoriamo per questo!!! 😉

  55. maniacus ha detto:

    Comunque cara marina, in tutta scienza e coscienza, penso che sopravviverai. 😆

  56. lucy ha detto:

    più rilassante di uno strappamutande! siamo perfettamente in topic!

  57. dctango dctango ha detto:

    Tutta colpa di Maniacus, è andato lui offtopic 😉 Bel topic comunque 😀

  58. marina2312 marina2312 ha detto:

    ..Igual que una sombra..

    Avete mai provato a far sentire un canaro qualsiasi a qualcuno che non balla dicendo che a voi fa venire la pelle d’oca, e aver visto disegnarsi sul suo volto un’epressione di viva e partecipata preoccupazione per il vostro stato mentale?

  59. dctango dctango ha detto:

    Di Canaro ti somministrerei un “Toda mi Vida”

  60. lucy ha detto:

    canaro molti lo considerano “marcetta”, pensa un po’. a me a volte sembra di essere una voce che grida nel deserto. in compenso sbavano per pugliese che a ballarlo sul serio ci vogliono le contro…misure e naturalmente non tengono il tempo manco morti, così altro che rilassarmi, mi risveglio de brutto e m’incavolo (dentro). così va il mondo. de gustibus non est disputa(cchia)ndum.

  61. marina2312 marina2312 ha detto:

    Canaro ha suonato di tutto (ahimè anche marcette..)..

    Ma se ti più consolare anche Pugliese ha inciso mercette particolarmente brutte: ho comprato un doppio CD con dei brani che non ci si crede che è Pugliese (soloiopotevoriuscirci…)

  62. Chiara Chiara ha detto:

    Indimenticabili i vals di Canaro! E le miloghe!? ne vogliamo parlare!?

    I brani che dici di Pugliese penso li abbiamo in molti.
    E’ quello che i dj mettono e appena è finita la tanda, puntualmente spunta uno in consolle che ti chiede: “Ma quando metti Pugliese?!”. Vero PierAldo?
    😉

  63. dctango dctango ha detto:

    Tierra querida è bellissima.
    Comunque Pugliese è effettivamente difficile da ballare, spero che su questo tutti concordino. Ciò non toglie che sia anche strappamutande e anche reggiseno. 😀

  64. dctango dctango ha detto:

    Sulle milonghe di Canaro posso dire solo una cosa: fichissime !!!

  65. marina2312 marina2312 ha detto:

    Pugliese è difficile da ballare BENE, è invece il santo protettore di chi non sa tenere il tempo: infilando passi un po’ a caso prima o poi un tempo di Pugliese lo beccano, sui tanghi più “quadrati” sono capaci di “lisciarli” tutti.
    Provate a ballare un vals con uno che non sa tenere il tempo: lo vorrete vedere morto prima della fine del primo brano…

    W le milonghe di Canaro!!

  66. Niky ha detto:

    Le milonghe di Canaro sono provvidenziali per chi musicalizza. Ce n’è per tutti i gusti, lente veloci…

    Per quanto riguarda Pugliese aiuta conoscere bene i brani…come è ovvio per tutti ma per Pugliese in particolare….così sai già quando c’è la pausa, più o meno quanto dura etc

  67. Niky ha detto:

    Scusate la punteggiatura è optional !!! 😆

  68. lucy ha detto:

    interessante l’idea di ballare qualcosa con qualcuno che prima o poi sbagliando ne becca un tempo…interessante…interessante per i neurologi che mi prenderanno in cura! quando si dice rilassarsi!

  69. maniacus ha detto:

    Ragazze siete proprie esigentissime, badate che di questo passo qualche maschietto va in ansia da prestazione, e poi sono dolori; altro che altro che beccare una battuta, qui non si batte un chiodo.

    Ora faccio il serio e faccio una considerazione azzardata su Canaro:
    Secondo me è un grandissimo che sta al tango come mozart sta alla musica classica, per la sua leggerezza e musicalità che si può scambiare per faciloneria o banale marcetta ma non lo è. Pensiamo ai suoi vals, che so corazon de oro, sembra semmplice, ma si sente un fondo di tristezza e di malinconia strisciante che la rendono struggente, anzi direi che tutti i vals di canaro sono un po’ struggenti e quindi con molto sabor tanguerol

    A proposito cosa ne pensate di: quelli che ballano il vals come se fosse una valzer viennese? ohhhh yeeesss! 😆

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*