Maria de Buenos Aires

PUBBLICATO IL 6 febbraio 2008

Parafrasando il titolo dell’operita di Piazzolla, scherzando avevamo già accennato a questo capolavoro in QUESTO post, un pò di tempo fa. Oggi torniamo a parlarne perchè è proprio in questi giorni che in Italia sta girando lo spettacolo con la regia della moglie dello stesso Piazzolla: Laura Escalada.

La signora ha scelto la versione originale dell’operita, quella che andò in scena a BsAs, nel 1968, al Planet Theatre, per festeggiarne i quarant’anni, portati veramente bene!!!
Come allora l’opera sarà presentata con tutti i musicisti presenti sul palco insieme alle voci soliste e al coro. Tutti artisti argentini: il Quinteto Fundacion Astor Piazzolla di Buenos Aires (Nicolás Guershberg, piano – Sergio Rivas, contrabasso – Pablo Mainetti, bandoneón – Germán Martinez, chitarra – Sebastían Prusak, violino), l’Ensemble (Pablo La Porta, batteria/percussioni – Fabián Keoroglanian, vifrafono/xilofono – Diego Tejedor, violino – Néstor Tedesco, violoncello – Gabriel Falconi, viola – Julián Vat, flauto), il Coro (Ariel Morea, Salvador Andrés Suriano, Filomena Andrea Karina, Pablo Enrique Oliver, Cristina Caprarulo, Morgana Marchesi) e i solisti: Patricia Barone (Maria), Sebastian Holz (Cantor) e Juan Vitali (El Duende). Tutto rigorosamente senza ballerini, perche la regista vuole portare tutta l’attenzione del pubblico sulla musica, come nell’idea originaria di Piazzolla.

L’allegoria scritta da H. Ferrer, in cui si racconta la fondazione di Buenos Aires, sorta sulle spoglie della povera Maria, sarà diretta da Julian Vat e dal maestro di coro Cristina Casal.
Lo spettacolo ha già visto diverse tappe tra cui il debutto a Roma il 2 febbraio. E’ già passta anche ad Avezzano (l’Aquila) e a Ferrara. Questa sera sarà a Milano al teatro Smeraldo.
Poi sarà la volta della Sicilia con gli appuntamenti a Palermo (7), Messina (8-9-10) e Vittoria (11).
Quindi torneranno sulla terraferma con le tappe di Torino (13), Chiasso (14), Bergamo (15), Pegognaga (16), Bologna (17), Firenze (18), Foligno (20), Pesaro (21), Verona (22) e Bari (24).

Pare proprio una occasione imperdibile!  🙂

«Sono stanco di sentir dire che quello che faccio non è tango.
Allora è musica di Buenos Aires.
E cos’è la musica di Buenos Aires?
Tango.
Allora la mia musica è Tango»

(Astor Piazzolla)

ARTICOLI CORRELATI #

9 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Qualcuno che lo ha già visto, mi racconta com’è stato?
    Grazie 😉

  2. deborah deborah ha detto:

    Mi interessa la data di Pesaro, chi mi sa dare più dettagli?

  3. Chiara Chiara ha detto:

    ti ho mandato una mail!
    🙂

  4. aurorabeli ha detto:

    Una nostra lettrice mi ha chiesto se ho notizie della partitura del brano “Jo soy Maria” contenuto in Santa Maria.
    Io non ho la minima idea di come trovarlo.
    Qualcuno di voi ce l’ha?

  5. Chiara Chiara ha detto:

    Il brano “Yo Soy María” si trova insieme ad altri capolavori anche nel libro di partiture per canto e piano THE BEST OF ASTOR PIAZZOLLA edito dalla Carisch e che si può trovare anche su partituras.com, che vende online.
    Ciao

  6. Giuseppe ha detto:

    Ho visto lo spettacolo di Messina. Molto bello. Peccato che non ci fossero i ballerini.

  7. Mario ha detto:

    Io ho visto lo spettacolo di Torino.
    Bello, all’altezza della fama, bravi i cantanti e i musicisti, eccetto il bandoneonista Pablo Mainetti, in serata un po’ svogliata.
    L’amplificazione molto approssimata non ha reso un bel servizio alla musica e al canto.
    Scenografia inesistente, pochi fronzoli e tutta sostanza.
    Meno male che non c’erano i ballerini.

  8. Chiara Chiara ha detto:

    Io vado giovedì a Pesaro. Mi sto documentando sui testi per godermi al meglio lo spettacolo! Non vedo l’ora!
    🙂

  9. Chiara Chiara ha detto:

    Stasera vado a pesaro a vedere lìoperetta.
    Mi sto documentando per cercare di capirci qualcosa, oltre a godermi la musica.
    Ho trovato questo LINK dove ci sono i testi di tutti i brani e la storia.
    Se può interessare….
    😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*