La Boca?

PUBBLICATO IL 30 agosto 2007

Le case colorate

Le barche colorate e l’ambiente marinaro

barche colorate

Turisti e souvenir

Buon vino e scorci con finestre

finestre

Avete capito dove siamo? Sembrerebbe Buenos Aires, nel quartiere La Boca, se non fosse per il terreno poco pianeggiante!
Invece no!
Siamo nelle Cinque Terre della nostra Liguria!

Nella seconda metà dell’Ottocento, l’ondata di immigrazione in Argentina porta anche i nostri italiani oltre oceano. Molti di loro sono Liguri che si insediano nel sud di Buenos Aires, sulla foce del Plata e fondano il quartiere La Boca: case basse, lamiere coloratissime (la povertà non permette nè mattoni nè vernici, se non quelle di scarto). Così nel quartiere porteño rotroviamo gli scorci della Liguria, la tradizione marinara, i colori, il vino, i profumi, la lingua (basta pensare al Lunfardo).

Se è vero che a Buenos Aires c’è un pò di Italia, è vero anche che in Italia c’è un pò di Buenos Aires!!!

Un caro saluto
Chiara

ARTICOLI CORRELATI #

4 commenti

  1. Niky ha detto:

    Bello e colorato !!!

  2. gino ha detto:

    Sulle case colorate della Boca sono state raccontate un sacco di frottole e se ne raccontano ancora, compreso sulla strada nominata Caminito.
    Negli anni quaranta il governo di Buenos Aires dette incarico a un noto pittore che operava anche a Parigi di abbellire il quartiere La Boca fatto appunto di case in lamiera.
    Il pittore si ispiro’ a Pit Mondrijan e alla corrente The Stijl di Teo Van Desburg. La Boca infatti assomiglia a quedri di questi artisti.
    Nello stesso periodo si inaugurava la strada Caminito in omaggio al noto tango che fu composto all’inizio del secolo e si riferisce ad un viottolo di un paesino vicino Mendoza. Insomma circa mezzo secolo prima e oltre mille chilometri di distanza.

  3. aurorabeli ha detto:

    Scusate, ma io sono campanilista!
    Ci tengo alla mia Italia, incasinata e caotica, ma densa di sentimenti e di emozioni… e quindi vabbè tutto, ma ccce vòle anche un pò de casa nostra.
    Per la serie: ma parliamo come mangiamo, e io pasteggio a bruschetta e piadina!
    Grazie Chiara per questo post. Mi ci voleva proprio..
    Che, li facciamo un pò di souvenir de l’Italie?

  4. Chiara Chiara ha detto:

    Grazie Gino per la precisazione.
    Ho sempre pensato che anche originariamente le “baracche” dei marinai e degli immigranti di La Boca fossero variopinte. Effettivamente non con questo stile così definito appunto alla Piet Mondrian, ma comunque ogni pezzetto verniciato con prodotti di scarto. Comunque se non verniciati, anche il fatto di usare materiali differenti poteva conferire al quartiere un aspetto patchwork.
    Poi se anche parliamo di anni 40 già stiamo parlando di storia!
    Un saluto
    Chiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*