Piazzolla come Proust

PUBBLICATO IL 6 settembre 2007

L’accostamento non è una mia invenzione, ma la brillante idea avuta da Franco Finocchiaro, noto virtuoso del contrabbasso nel mondo del tango e non solo. Il musicista ha anche scritto diversi libri e articoli sul tango, su Piazzolla, su Troilo e in aprile è stato nominato membro della Academia Nacional del Tango di Buenos Aires, come personaggio internazionale che, con la sua vita, le sue opere e le sue azioni, collabora a mantenere vivo l’interesse per la musica della città di BsAs. Un titolo che fa onore a tutti noi italiani.

La prestigiosa rivista musicale italiana “Il giornale della Musica” ha ospitato nel numero di settembre, in questi giorni in edicola, la sua recensione del DVD “Astor Piazzolla – The Next Tango” di Jose Montes-Baquer, pubblicato dalla Deutsche Grammophon lo scorso maggio. L’articolo è a pagina 50 nella rubrica dischi & media.

Nel film del 1986 possiamo vedere conversazioni e suoni con il maestro. Lo stesso Piazzolla racconta i punti culminanti della sua vita e della sua carriera, con un omaggio alla sua insegnante parigina Nadia Boulanger; un privilegio sentire raccontare il tutto dallo stesso protagonista.
Il Dvd contiene il Doppio Concerto per chitarra, bandoneon e archi; il Concerto per bandoneon, archi e percussioni, e Adios Nonino. Suonano Astor Piazzolla e il suo Quintetto, con Alvaro Pierri alla chitarra e la Cologne Radio Orchestra diretta da Pinchas Steinberg. Le nuove tecnologie, in questa edizione, ci regalano una buona qualità di audio e video.

Nella recensione F. Finocchiaro dice “Se ascoltare l’opera di Piazzolla dalla sponda del tango equivale a considerarla d’avanguardia, quando l’analisi è nel quadro della musica del novecento, la si percepisce come inattuale. Il suo indirizzo è piuttosto orientato verso una sorta di slancio neobarocco, capace di ridare la dolcezza a sequenze armoniche abusate, per merito di un volo melodico di inesauribile traiettoria, un lirismo bruciante ed unico nella scena del secolo dove gli autori (e la critica) sono rimasti sordi ai valori dell’emozione, del batticuore e dell’incanto.”

Se volete contattare l’autore dell’articolo pubblicato sulla rivista o maggiori informazioni cliccate QUI.
Se volete avere maggiori informazioni sulla rivista, invece cliccate QUI.

Un caro saluto
Chiara
 

ARTICOLI CORRELATI #

4 commenti

  1. pablo ha detto:

    ho visto che in rete è possibile acquistare il dvd, gradirei gentilmente saper se qualcuno lo ha visto se è in italiano, poichè la lingua ho visto che è spagnolo , nei sottotitoli c’è perfino il cinese!! però c’è una voce “origine italiano” che non capisco a cosa si riferisca.

    Grazie

  2. Chiara Chiara ha detto:

    Dovresti provare a chiedere a Franco Finocchiaro che ha curato la recensione. C’è la sua mail nell’articolo.
    Un caro saluto
    Chiara

  3. pablo ha detto:

    Grazie per la tua precisazione , non ho avuto il buonsenso di cliccare dove indicavi.

  4. Chiara Chiara ha detto:

    Pas de qua, mon ami….
    tanto per non usare sempre lo spagnolo!
    😉
    Chiara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*