I Tanghi che mi piacciono: Toda mi Vida

PUBBLICATO IL 17 settembre 2007

Toda mi vida
Tango
1941
Música: Aníbal Troilo
Letra: José María Contursi

mymoon.jpg

Hoy, después de tanto tiempo
Oggi, dopo tanto tempo
de no verte, de no hablarte,
senza vederti, senza parlarti,
ya cansado de buscarte
stanco ormai di cercarti
siempre, siempre,
sempre, sempre.
siento que me voy muriendo
Sento che sto morendo
por tu olvido, lentamente,
per il tuo oblio, lentamente,
y en el frío de mi frente
e sul freddo della mia fronte
tus besos no dejarás.
i tuoi baci non lascerai.
Sé que mucho me has querido
So che mi hai amato molto
tanto, tanto como yo;
tanto, tanto quanto me,
pero, en cambio, yo he sufrido
e che invece io ho sofferto
mucho, mucho más que vos.
molto, molto più di te.
No sé porque te perdí,
Perchè ti ho perduta non so,
tampoco sé cuándo fue,
nemmeno so quando avvenne,
pero a tu lado dejé
ma accanto a te ho lasciato
toda mi vida,
tutta la mia vita.
y hoy que estás lejos de mí
E oggi che ti trovi lontano
y has conseguido olvidar,
e sei riuscita a dimenticare,
soy un pasaje de tu vida, nada más.
io sono un episodio della tua vita, niente più!
¡Es tan poco lo que falta
Mi manca così poco
para irme con la muerte!
per andarmene con la morte.
Ya mis ojos no han de verte
I miei occhi non ti vedranno
nunca, nunca.
mai, mai.
Y si un día, por mi culpa,
E se un giorno per colpa mia,
una lágrima vertiste,
hai versato una lacrima,
porque tanto me quisiste
per quanto mi hai amato
sé que me perdonarás.
so che mi perdonerai.

Diversi gli interpreti di questo pezzo. Ricordiamo le versioni di Anibal Troilo con Roberto Goyeneche (Qui) o con Fiorentino (Qui), di Julio Sosa (Qui), di Francisco Canaro con Ernesto Famà (Qui), di Osvaldo Pugliese (Qui), di Mariano Mores e di Adriana Varela (Qui).

Toda mi vida fu dedicato da Troilo alla moglie Zita, avvalendosi del testo scritto da Josè Maria Contursi (1911-1972).  Il testo di Toda mi vida parla di un amore che non è più; il protagonista sente venir meno la propria vita, lentamente, con la consapevolezza che lei non sarà presente neanche in punto di morte e quindi non potrà lasciare sulla sua fronte, gelida a causa della morte, i suoi baci. Nonostante l’innamoramento fosse reciproco il protagonista sente di aver pagato il prezzo più alto e di aver lasciato accanto alla propria amata tutta la sua vita. Sente di essere stato solo un episodio e che non la rivedrà mai più.

ARTICOLI CORRELATI #

4 commenti

  1. dctango dctango ha detto:

    A me piace la versione di Julio Sosa:o)

  2. deborah ha detto:

    Sì è vero, musicalmente è molto bella, è la più “ariosa”, ma come voce preferisco Goyeneche.
    Godibilissima la versione di Pugliese, le sue sospensioni sono una meraviglia.
    Notevole anche la Varela, temperamento grintoso, più virile di certi suoi colleghi maschi!
    Saluti,
    Deborah

  3. dctango dctango ha detto:

    Grazie mille Deborah:o)
    Niky

  4. Adriana ha detto:

    Non mi ero mai fermata ad ascoltare il testo di questo tango. La versione che metto più spesso è quella di Troilo cantata da Fiorentino (o quella di F. Canaro). Acc.. ma non si finisce mai di imparare. Grazie.

    * deborah: vero, la versione della Varela è meravigliosa, molto forte.
    Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*