Tango: storie di vita

PUBBLICATO IL 4 febbraio 2008

Qué querés que le haga, hermano, si nací pa’ morir povero,
con un tango entre los labios y en un tute entreverao.
Juego, canto, bebo, río… y aunque no me quede un cobre,
al sonar la última hora… ¡que me quiten lo bailao!

Che volete che ci faccia, amico, se son nato per morire povero,
con un tango sulle labbra e immischiato in un litigio.
Gioco, canto, bevo, rido … comunque non mi resterà un soldo,
e al suonar dell’ultim’ora … chi mi toglierà ciò che ho ballato!

Que me quiten lo bailao – Miguel Bucino – 1942
QUI la versione di Tanturi cantata da Castillo

ARTICOLI CORRELATI #

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*