Chi suda Tango…….

PUBBLICATO IL 3 marzo 2008

Io sudo molto, di costituzione proprio, sempre stato così.
Nei periodi caldi mi disidrato velocemente e devo bere, molto, se no mi vengono i crampi ai polpacci, comunque in milonga non sono il solo.
All’inizio ero imbarazzato poi mi sono accorto che la cosa era accolta con una certa rassegnazione da parte delle ballerine, comunque non è il massimo appiccicarsi a un tipo che quando sta fermo più di tre minuti fa la pozzanghera.
Tutto sta ad organizzarsi, mi porto una o due magliette di ricambio e un asciugamano per tamponare tra una tanda è l’altra, vedendo che altri sudavano tanto pensavo fosse comune poi girando le varie milonghe ho notato che solo io ed un’altro paio di persone si portano l’asciugamano, e soprattutto quando lo uso molti mi guardano con un certo stupore…… pensavo fosse per lo stato semi acquatico in cui mi riduco … invece ho capito poi che era per l’asciugamano …. così l’ho adattato all’ambiente….. perchè secondo me è una gran verità…. ” Chi suda Tango campa cent’anni! ”

asciugamano da tango by Alberto

Ma ditemi non sarò l’unico che si porta na pezza per contenere l’esuberanza calorica…

Mandi
Alberto

ARTICOLI CORRELATI #

29 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Bellissimo questo telo! Veramente simpatica l’idea!
    Ma come fai quando lavori?
    🙂

  2. doribaby doribaby ha detto:

    Non sei l’unico!!! Mio marito ha una scorta di teli (rigorosamente neri) per il ballo!!!
    Ieri ho visto che anche Ale aveva la sua salviettina..
    Ma poi diciamocelo, il tanguero che suda mentre balla con te ti trasmette piu’ pasion..di uno asciutto e asettico!!!!
    😉

  3. lucy ha detto:

    nono, ti trasmette più sudore!

  4. doribaby doribaby ha detto:

    Lucy: chi suda bagna anche te..digli di smettere..????
    🙂 🙂

  5. Franco ha detto:

    ..Sudatrici passive..? 😆

  6. doribaby doribaby ha detto:

    Già!!!
    :-))

  7. Alessandro Alessandro ha detto:

    Eh si cara Dori… anche io avevo la mia salviettina… (micro asciguamani in versione “normale” ed in microfibra…) ma credo che l’asciugamanto in formato piu’ grande che aveva Lucio sara’ il mio prossimo acquisto tanguero… 8)))

    Anche io faccio parte della categoria dei sudatori… a volte mi scuso con le ballerine che dicono di non essere infastidite… (o perlomeno fingono benissimo di non esserlo)… e comunque sia… alla prima tanda se ne accorgono… all’invito successivo… se sono particolarmente “sensibili” possono tranquillamente dire di no…

    C’e’ da dire che proprio per questo “problema” sono abbastanza maniaco per deodoranti & C… e di norma prima di uscire per la milonga la doccia e’ d’obbligo… quindi il sudore si riduce a “semplice” sudore…

    L’altra sera al Castelletto una ballerina gocciolava il mio sudore… mi sono sentito decisamente in imbarazzo… ma quando alla fine della tanda non e’ scappata e mi ha chiesto se ce la facevo a farne un’altra ho capito che non fingeva quando diceva che “non era un problema”…
    Meglio cosi’… anche perchè e’ stata, per il sottoscritto, una delle due tanguere piu’ piacevoli della serata… 8)

    Ho sempre con me una maglietta di ricambio ma spesso non e’ necessaria… con un po’ di riposo tra una tanda e l’altra, il piccolo asciugamano e l’immancabile ventaglio riesco ad asciugarmi per l’invito successivo… ^___^

    Chi suda tango campa cent’anni? Speriamo…

  8. doribaby doribaby ha detto:

    Io sono convinta comunque che davvero non sia un problema!!
    Besos

  9. maniacus ha detto:

    Sarò in minoranza ma sono della categoria opposta, non sudo! o meglio in condizioni standard non sudo più di tanto, ma penso che sia dovuto ad altri fattori, faccio molto sport e la mia soglia di affaticamento è alta, poi se la sala è di ventimetriquadri, con 5000 persone e chiaro che tra temoeratura e umidità i goccioloni arrivano
    🙂

  10. Alberto Alberto ha detto:

    E anche oggi ho fatto tardi….
    Ecco a vedere che altri hanno lo stesso inconveniente mi conforta, la foto l’ho fatta ieri sera alla pratica dominghera della scuola…
    Sul quel pavimento ho mosso i miei primi passi….

    Chiara, in effetti quando lavoro è scomodo, considera che sono sempre in divisa con il cilindro (come da foto sul sito)…. uso i rotoli di carta che asciuga di piu e in estate bevo 2-3 litri di acqua al giorno….
    Comunque l’unico vero problema in milonga è quando il sudore mi va nell’occhio, già ci vedo poco, senza occhiali passi ma ballare tipo pirata mi distrae, tendo a non seguire più il compas… 🙂

  11. Chiara Chiara ha detto:

    Bandana per fermare il sudore della fronte, che non vada negli occhi!
    Sai che bello ballare con un pirata!!!
    🙂

  12. Alessandro Alessandro ha detto:

    Comunque l’unico vero problema in milonga è quando il sudore mi va nell’occhio, già ci vedo poco, senza occhiali passi ma ballare tipo pirata mi distrae, tendo a non seguire più il compas… 🙂

    Ecco cosa mi ero dimenticato Alberto… proprio il sudore negli occhi…
    se e’ fastidioso quando goccioli (letteralmente) ancor di piu’ lo e’ quando una goccia di sudore va negli occhi… essendo il sudore ricco di sali fa bruciare gli occhi…

    Brrrr…. altro che perdere il compas….

  13. rosa rossa ha detto:

    e Alberto…non ti preoccupare più di tanto…guarda che ci sono pure le tanguere sudatrici, non sono solo gli uomini…io per esempio non sudo molto ma mi si alza la temperatura in maniera esagerata…e ballare con una stufetta non so se è piacevole!!!…dal numero dei tenghi nelle serate credo che lo sia comunque…e poi se è piacevole ballare non si bada a certi particolari!!!!…il telo è fantastico!!!geniale…

  14. Alberto Alberto ha detto:

    Grazie Rosa,
    se mai capiterà di trovarci in milonga… non ti preoccupare le stufette sono il mio pane quotidiano… 🙂

  15. deborah deborah ha detto:

    Bello il telo! E’ in vendita?
    Cari uomini il sudore non è solo un vostro problema. Io sudo molto e non ho ancora trovato il rimedio. Ballare meno non se ne parla, accetto anche se emano vapore. Più bevo, più sudo, più sudo più bevo…(di chi era questa?) Beati voi che con una passata di panno tango siete a posto, come la mettiamo con il trucco? Conosco qualcuno che va anche a lavarsi il viso e torna bello fresco (che invidia) ma con fondotinta/fard/rimmel ad ogni asciugata ci vorrebbe il ritocco (infatti ho sempre con me il mini beauty di pronto intervento). Non siete solo voi a chiedere scusa per il sudore, io lo faccio spesso e spero come voi che la risposta tranquillizzante sia sincera…
    Per quello che mi riguarda, purchè sia inodore, non provo fastidio per il sudore, mi dispiace solo per i miei ballerini che si ritrovano mezza faccia truccata 🙂

  16. Franco ha detto:

    Confermo.. puchè sia inodore, nessun problema !! 😀

  17. Alberto Alberto ha detto:

    Hi Deborah,
    non è in vendita, in pratica ho preso un’asciugamano da “ospite” e l’ho portato a ricamare la scritta in un negozio specifico….
    A dir la verità non mi è mai capitato di ballare con donne più sudate di me …..
    Concordo Franco…. mi riferivo sempre al fastidio di essere bagnato, non di cattivi odori….

  18. lucy ha detto:

    tanguera bagnata tanguera fortunata!

  19. Chiara Chiara ha detto:

    Ceeeeerto! Meglio che star sedute! 😉
    Poi una bella doccia per togliere i lustrini la devi fare comunque!
    😉

  20. Lulamiao ha detto:

    Caro Alberto, potresti fare del merchandising… dei teli così te li comprano tutti 😉
    Io lo voglio… e lo regalerei a un po’ di amici (e parenti!) ;-D
    posso copiare l’idea?

  21. Alberto Alberto ha detto:

    Ma certo!
    ne ho fatti due uno con la scritta in giallo oro, ma rosso è più adatto, rende di più… si possono personalizzare anche con il logo della scuola, o di un’associazione… solo è meglio farsi fare un preventivo prima, il pezzo singolo e costato circa 20 euro l’uno….certo che su una quantità il prezzo si abbassa.
    Se qualcuno della mia zona è interessato la scritta me l’hanno fatta da ” GPzeta planet ” viale trieste Udine.

  22. Franco ha detto:

    Noi con la scuola di vela ogni tanto abbiamo fatto ricamare delle cose..
    ..ma 20 E. mi sembra tanto per un ricamo..!!

  23. Alberto Alberto ha detto:

    il solo ricamo 15 € , + 5 circa il telo, ma è pittosto grande come scritta …. forma un quadrato di 17 cm di lato… mi sembrava ragionevole… ma non ho termini di paragone….

  24. Chiara Chiara ha detto:

    Da noi a Rimini, alle Befane (un centro commerciale molto grande) c’è un negozietto di ricami che scrive qualsiasi cosa su qualsiasi materiale, seduta stante. Io ci faccio personalizzare di tutto…anche i porta-scarpe per il tango!
    🙂

  25. Franco ha detto:

    noi per ricamare su degli asciugamani il nome del circolo abbiamo speso 2,50 €. però in più c’è il costo dell’impianto circa 50 €. (una tantum) che si ammortizza con la quantità di pezzi che si ricamano.. Ora non so se sono 2 tecniche diverse..

  26. lucy ha detto:

    ammappelo! già stamo ai ricami personalizzati! ‘a fanatichi! 🙂

    ehm…posso ordinave un set di serviettes di lino d’ivlanda con le iniziali l.t. intvecciate e sovrastate da una covona, un cavallo, un paio di scavpe? i colovi savanno vigovosamente il bianco e l’azzuvro e… mettete tutto sul mio conto. vi ringvazio, cavi!

  27. motogio ha detto:

    cccerrto, segnò, se ppoffà!
    repassi quanno vole.
    Sallusti

  28. lucy ha detto:

    “sallusti” a lei “gio…venale”! (che venale però, nzomma!) 🙂

    come va la preparazione dei muscoletti da palpicchio semiinvolontario?

    nessun drappo potrà mai esser degno di posarsi su di essi e tergerne gli umori
    olimpici. perché, o donne, e tu, donna, che il fato appo lui ti pose, sappiate che essolui è l’incarnazione stessa della leggerezza cui vani fuòro i lini non avendoglino bisogno alcuno. le sue carni stillano nettare e ambrosia che per le fortunate mortali si tramutano in danza paradisiaca, fonte di letizia e ristoro dai forzati ozi da cui gli umani non le trassero, nè seppero trarle.
    somma gloria etc.

  29. motogio ha detto:

    c’e un computer
    c’è una sedia davanti al computer
    c’è una macchia gelatinosa, un pò sulla sedia e un pò per terra

    è un ex Giò, ora completamente sciolto, anzi direi “liqueso”
    (chi conosce Toto di Proietti mi capisce)

    indegno di cotanto assunto, colgo la vaghezza che mi punge
    e involo un occaso, colmo di abbracci svolazzanti
    volti a colei cui la favella, vergata o vociata, è schiava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*