Il Governo della Città ha già chiuso sei milonghe.

PUBBLICATO IL 26 luglio 2015

Da: Infojus Noticias del 7 Luglio 2015

Negli ultimi mesi sono state chiuse così tante milonghe in Buenos Aires che le proteste sono riecheggiate perfino negli Stati Uniti, in Irlanda e in Germania. L’ultima che ha ricevuto il provvedimento di chiusura è stata quella del Club Atlético Fernández Fierro (CAFF) lo scorso venerdì, proprio il giorno in cui centinaia di persone si sono mobilitate davanti alla sede del Governo della città contro la chiusura dei saloni di tango.
Le milonghe “sono luoghi storici che conservano i nostri valori culturali”, ha dichiarato la deputata nazionale Maria del Carmen Bianchi (FPV) in un ‘interpellazione che mette in discussione la chiusura di questi locali da parte delle autorità della città di Buenos Aires.
Prima del CAFF, sono state chiuse le milonghe Sunderland, El Arranque, Sin Rumbo, Café Vinilo e la Parakultural. Finirà così che il tango rimarrà ballerini e intere famiglie rimarranno senza lavoro.

Milonga

La burocrazia nel 2×4

Erano le due del mattino di domenica 28 giugno, quando un ispettore ha fatto sgombrare circa duecento persone che stavano ballando sulla pista della milonga Malena al Club Sunderland. Secondo l’agente del Governo della città, il club non avrebbe dovuto funzionare senza un sistema di manichette anti-incendio.
Il fatto è sorprendente: secondo la Legge 2323 del Comune, è necessario questo tipo di installazione solo in locali con una superficie superiore a 1000 m2 e queste non sono le dimensioni del salone.
“Sono due settimane che teniamo chiuso il club. Al suo interno non si fanno solo le danze, ma anche molte altre attività “, ha detto a Infojus Noticias Jorge Rodriguez, organizzatore della milonga Sunderland.

Lo stesso è accaduto ai primi di Marzo con la chiusura del salone La Argentina dove funzionava la milonga El Arranque e da allora continuano a rimanere chiusi, anche se non è la prima volta che  hanno avuto problemi.
Come ci ha spiegato Julio Bassan, presidente dell’Associazione degli Organizzatori di Milongas (AOM), a seguito di una chiusura precedente, l’organizzatore della milonga effettuò la regolarizzazione richiesta e il giudice revocò la chiusura, ma a due ore e mezzo dalla riapertura, passò un ispettore e decise di chiudere di nuovo la sala. “Se vi è la mancanza di comunicazione tra Direzione delle Licenze e i Controllori, ambedue dipendenti dell’Agenzia Governativa di Controllo, che cosa possiamo aspettarci ? Non riesco a capire come possa esistere una tale mancanza di coordinamento tra le diverse agenzie”, ci ha detto Bassan.

Anche se la chiusura fu poi revocata, la milonga Sin Rumbo è stata invece bloccata per due settimane da questi “malintesi”. Una sera, alle 02:30, un ispettore della AGC si è presentato nel locale e ha chiesto i documenti con le autorizzazioni e le licenze. Siccome la sala della milonga era in affitto e a quell’ora il Consiglio Direttivo non era presente, Julio Medrano, organizzatore del Sin Rumbo ha chiesto qualche minuto per chiamare i responsabili e per fare portare i documenti; gli è stato detto che non era necessario, che avrebbe potuto esibirli in un secondo tempo. Il giorno dopo, però, è stata sanzionata la chiusura.
“Se è necessario adottare misure per garantire la sicurezza, va bene, ma gestire le serrate così è un peccato. Si tratta di una persecuzione contro le milonghe. E in ogni caso dovrebbero concedere tempo per mettere le cose in ordine, non chiude automaticamente “, ha detto Julio Medrano a Infojus Noticias.

Un altro problema delle milonghe sono i permessi che devono essere rinnovati annualmente, ma che ci vogliono sei mesi per essere rilasciati. “Come può essere che si tardi così tanto, poi, se le autorizzazioni sono le stesse dell’anno precedente ? Questo fa sì che loro vengano a controllare e che voi non abbiate ancora ricevuto il permesso”, ha detto Bassan. “Loro stanno chiudendo tutti per un problema burocratico e non un problema di sicurezza. Siamo la Mecca del tango e le milonghe ne sono il cuore, ospitano musicisti, artisti, ballerini, poeti, scrittori e persone che lo mantengono in vita”, ha aggiunto.

Negli ultimi mesi sono stati anche chiuse le milonghe del Caffè Vinilo e quella del Parakultural, anche se per ora sono riuscite a riaprire. Venerdì scorso è stata la volta del Athletic Club Fernández Fierro, rifugio dei giovani tangueri e sede dell’ Orchestra Tipica Fernandez Fierro. Da quel giorno, mantiene le porte chiuse.

A seguito dei problemi con le abilitazioni e le licenze delle sale di tango e dei centri culturali, il Governo della Città ha creato l’Unità Progetti Speciali degli Spazi Culturali (UPEEC), sotto il Ministero della Cultura. Da questo ente sono state organizzate riunioni alle quali dovrebbero partecipare rappresentanti del ministero, la AGC e rappresentanti della comunità. “Noi siamo sempre andati, ma la AGC non ha mai inviato i suoi rappresentanti alle riunioni del UPEEC. La manifestazione di venerdì aveva a che fare con il fatto di aver esaurito tutte le possibilità di dialogo”, ha detto Bassan.

Sono ormai tre mesi che le milonghe di Buenos Aires sono in crisi. “Come può essere che non ci diano una soluzione?» Insistette Bassan. “Si tratta di famiglie senza lavoro, non c’è niente di peggio che avere la milonga chiusa e vedere come il vostro pubblico inizi a migrare. È uno svuotamento letterale e non vi è alcuna possibilità di cambiamento “.
Dalla AGC hanno negato che ci sia una persecuzione contro le milonghe e hanno spiegato che le chiusure siano sempre correlate a questioni o problemi specifici di abilitazioni e di sicurezza.

Patrimonio sequestrato

“C’è un quadro normativo che protegge il tango e di conseguenza le milonghe. Ma contrariamente alla protezione internazionale, nazionale e specifica, il Governo della Città, piuttosto che adottare speciali meccanismi per proteggere questi spazi, scegli la chiusura” ha argomentato Bianchi.
Il tango argentino è stato dichiarato patrimonio culturale argentino nel 1996 e dell’Umanità dall’UNESCO nel 2009.

Luego de manifestación convocada por las milongas el viernes pasado ante la jefatura de gobierno de la Ciudad, diferentes medios del exterior se hicieron eco y la noticia corrió pronto entre los amantes de tango de todo el mundo. En Manhattan y Dublin están organizando una manifestación enfrente de la Embajada argentina. Otro tanto se espera que ocurra en Alemania. “¿Cómo puede ser que afuera se están manifestando y que acá el gobierno mire para otro lado?”, dijo Bassan.

“Più che chiudere le milonghe, ci si aspetterebbe che dal Governo della Città promuovessero politiche pubbliche, senza subordinare la sicurezza delle persone, che permettessero di creare le condizioni affinché questi siti possano adeguarsi alle normative esistenti”, ha spiegato, aggiungendo che “oltre a rappresentare l’identità culturale, sono anche fonti di lavoro e consentono di incrementare il turismo”.

Dopo la dimostrazione da parte delle milonghe venerdì scorso presso la sede del Governo della Città, diversi media stranieri hanno fatto eco e la notizia si è diffusa velocemente tra gli amanti del tango in tutto il mondo. A Manhattan e Dublino stanno organizzando una manifestazione davanti all’Ambasciata Argentina. Lo stesso dovrebbe accadere in Germania. “Come può essere che all’estero si stiano mobilitando e che qui il Governo guardi dall’altra parte?”, ha detto Bassan.

AS/LC

HA SCRITTO PER NOI #
Antonio Mario Savella

Ultimo presidente della prima associazione di tango in Italia, il Barrio Tanguero di Torino, appassionato di musica di tango, editore del dvd sul poeta Horacio Ferrer, il paroliere di Astor Piazzolla.

ARTICOLI CORRELATI #

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*