Navidad

Lontani ricordi di un Natale in Argentina

PUBBLICATO IL 25 dicembre 2017

di Victor Hugo Del Grande

Pensavo a cosa fare, insieme a i miei figli, questo Natale; subito si sono presentati  davanti ai miei occhi – come vecchie fotografie – i ricordi. Tanto tempo è passato e «las nieves del tiempo platearon mi sien» («le nevi del tempo hanno argentato/imbiancato le mie tempie») cantava Gardel.

Mi vedo bambino, con l’ansia di quei giorni, doveva arrivare Babbo Natale e proprio nella mia stanza. Una notte mentre lo aspettavo mi addormentai, poi sentii un rumore, mi svegliai di soprassalto, vidi la porta chiudersi e la chiave appesa che si muoveva. Lo persi per un attimo, gli avrei chiesto tante cose, della sua vita, dei bambini del mondo, ma vidi solo la scatola di cartone appoggiata sul pavimento, con il mio regalo.

All’indomani mi alzai dal letto con ansia, il regalo non era un gran che, ma mi bastava ed ero felice che lui si fosse ricordato di me. Dopo un po’ di tempo avevo già la testa altrove, ad andare a raccogliere un po’ di erba e un contenitore per l’acqua: il 6 gennaio arrivavano i Re Magi da un lunghissimo viaggio, con i cammelli affamati, e dovevamo anche dissetarli. Questo era un compito che i bambini si assumevano con grande responsabilità, vedevo i miei amici che facevano la stessa cosa, in quei giorni.

Ieri mi ha chiamato  Gabriel dall’Argentina. Sì, quello che chiamava Troilo “Alibantrolio” e tutti ridevamo per un’ora. Siamo cresciuti insieme, nello stesso quartiere. Viveva tre case più in là della mia, quando la nostra strada era un giardino di bambini, sole e pallonate: abbiamo passato gran parte di quegli anni insieme.

È tanto tempo che non ci vediamo, ma basta sentire la sua voce che tutto diventa senza tempo, un presente eterno.

Ricordo, in particolare, una Vigilia di Natale, andai a casa sua a salutarlo. Mentre con lui parlavamo del più e del meno saltò fuori il tema di “Papà Noel”. Io, che ero un po più navigato, gli dissi: «Ma dài, non crederai ancora che Babbo Natale esista veramente, sono i tuoi genitori che ti lasciano i regali». Lui scoppiò a piangere in una crisi disperata, come un cornuto di vecchia data che venne proprio a saperlo la notte di Natale.

Nel frattempo, al pianto disperato del figlio,  arrivarono i suoi genitori  e chiesero cosa fosse successo. Ricordo solo il piede destro di suo padre sul mio sedere e io che volavo fuori dalla porta di casa.

In Argentina a Natale fa caldo, c’e molta luce e il cielo unico, azzurro, del Sud del mondo.

Ricordo la mia casa… Mio padre metteva gli occhiali, aveva sempre qualche lavoretto da sbrigare mentre ascoltava qualche tango, il patio “gris” pieno di vasi con le piante di mia madre, lei, dal fondo della casa al patio, faceva i mestieri e in una cucina a cherosene preparava la cena di Natale.

I miei ricordi son fatti di cose semplici che mi accompagnano nella vita, i miei amici , mia madre, il patio, mio padre.

Vado a trovare i miei figli,  mi vedranno emozionato, ma non sapranno che è per il Natale di una vecchia storia sempre presente nel ricordo, di una Argentina che esiste o non esiste più… Come Babbo Natale

 

NAVIDAD (Osvaldo Pugliese – Eduardo Moreno)

Natale, nella casa dei miei genitori.                                                                                                                                      Canzone di Natale e ascoltando, nel patio con i malvoni,                                                                                                     i racconti della nonna.                                                                                                                                                                Una dolce speranza per l’anno nuovo c’era a casa nostra,                                                                                                    e intorno al tavolo cosi umile era di festa l’anima.                                                                                                        Quanta felicità con l’amore dei miei genitori,                                                                                                                          ci saranno tanti Natali ma non più come quelli.                                                                                                                    Nel passato ci sono le dolci ore allegre                                                                                                                                che ricorderanno i miei figli un domani,                                                                                                                            quando canteranno con le loro famiglie.

“Arriva il Natale nella umile casa                                                                                                                                       portando l’emozione di giorni passati,                                                                                                                                  di quando la buona mamma cantava                                                                                                                                        e si vivevano ore di allegria.                                                                                                                                                          Il bambino alza sempre la testa                                                                                                                                            cercando il papà assente in una stella”

Se non ho avuto giocattoli che facessero felici                                                                                                                          i giorni della mia infanzia,                                                                                                                                                          le mie tristezze ebbero le carezze di quelle bellissime mattinate.                                                                              Quando la quotidiana fatica per mantenersi feriva le mie tenere mani,                                                                        nel duro lavoro, la mia  speranza versava il suo dolce canto.

 

Victor Ugo Del Grande

 

HA SCRITTO PER NOI #
Victor Hugo Del Grande

Il Maestro VICTOR HUGO DEL GRANDE nasce a Rosario, grande città portuale dell’Argentina, attraversata dal Paranà. Insegna tango da tempo, dopo aver dedicato molti anni allo studio e alla pratica della lirica che lo ha portato in Italia, negli anni’90, a cantare come tenore. La sua formazione, in Argentina, è però poliedrica: studia canto e tecnica vocale, ma anche teatro, compone ed interpreta musica popolare argentina e tango. Con la serietà e la passione che hanno attraversato gli incontri con le altre forme d’arte, che hanno affascinato e formato Del Grande, anche l’interesse per il Tango non si riduce alla pur consistente dimensione della danza: tiene insieme l’importanza della tecnica del movimento, la storia, le diverse musicalità, il peso specifico culturale… Con questo bagaglio, questa profondità, e con una personalissima visione della tecnica, Victor Hugo Del Grande nei primi anni ’90 apre a Milano una scuola di tango, quando il Tango non era di moda, ma qualche pioniere scommetteva sulla possibilità di diffondere, anche fuori dai confini argentini, lo spirito popolare e la potenza espressiva di quella altissima manifestazione culturale ed artistica che il tango rappresenta, e gli ha consentito di essere proclamato ‘patrimonio universale’dall’Unesco. Per anni il Maestro alterna l’attività di canto lirico nei teatri italiani con l’insegnamento del tango argentino, che struttura in modo estremamente ricco di approfondimenti storici e culturali, attraverso stage, corsi, rassegne cinematografiche incentrate sul tango, cicli di lezioni storiche resi unici dalla contaminazione di innesti autobiografici e approfondimenti storiografici. E’ con questo vasto e approfondito repertorio di competenze, con una inesauribile passione per la ricostruzione filologica delle origini e al tempo stesso per la modernità intrinseca del tango che nel 2007 fonda l’Associazione culturale Tango Azul,per valorizzare, promuovere ed implementare la cultura del tango argentino. Oggi Tango Azul rappresenta ancora per Victor Hugo Del Grande l’occasione di mettere al servizio di chi lo desidera una grande esperienza artistica maturata in anni di pratica e ricerca nel campo della musica, del teatro, della danza. Alla pratica costante dell’insegnamento si affiancano oggi le radicate passioni in campo musicale, cui si devono le recenti composizioni di brani inediti di musica popolare argentina in un proficuo connubio artistico con Mariano Speranza, amico ed ispiratore e regista del gruppo musicale ‘Tango Spleen’. Le atmosfere di questa ormai lunga carriera maturata nella storia della cultura argentina si possono avvicinare e ‘respirare’ sia nei corsi di tango che nelle milonghe domenicali organizzate da Tango Azul, luoghi un po’ incantati, dove vale una regola: “​Esibire, ostentare appartengono al mondo della materia. Il tango parla alla dimensione dell'anima, che non conosce il tempo: ci si può fermare durante una pausa in un abbraccio interminabile, mentre si ascolta la frase di un violino o si è colpiti dalla metafora di un testo che ci commuove”.

ARTICOLI CORRELATI #

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*