Poesie

Liriche di Nicola Romano

PUBBLICATO IL 5 settembre 2014

Nicola Romano, ci ha inviato alcune delle liriche comprese nella silloge la cui pubblicazione avverrà ufficialmente a metà settembre con la casa editrice il torchio di Padova. Titolo delle silloge è: “Gocce nell'oceano.....Anime" di Nicola Romano, opera comprendente 157 liriche poetiche, nonché citazioni e aforismi di poeti e scrittori scomparsi dal 700 al 900, e citazioni di sua creazione associate ad ogni lirica pubblicata. Sarà acquistabile da settembre anche online sul sito http://editriceiltorchio.com     Una Mirada……. Ultimo Tango Elegante come un Cigno, come attimo fuggente, si spoglia in quell’istante è un sapore che non ha età. L’attesa toglie il…
Pubblicato in Poesie Taggato con:

Poesie di Nicola Romano

PUBBLICATO IL 26 marzo 2014

Autobiografia Dell’Autore Nicola Romano Autore di componimenti poetici, liriche letterarie in attesa di pubblicazione, tipici di un DNA Viscerale, che identifica la Donna ’L’Eroina poetica ispiratrice, un Amplesso cerebrale che meglio rappresenta nelle sue opere. Studioso e ballerino di tango argentino per passione. Nasce a Bari attualmente domiciliato a Padova per lavoro, laureato all’università degli Studi dell’Aquila nel 2009, anno del triste evento, il sisma. Divulga il suo verbo poetico, come accento di vita, dopo l'amore per le sue passioni, offrendo lettura e condivisione delle sue opere inedite. Ha partecipato ad alcuni seminari e laboratori teatrali interpretando il ruolo del…
Pubblicato in Poesie Taggato con: ,

T come tango. Rime leggere tra un passo e l’altro

PUBBLICATO IL 24 gennaio 2014

Nel tuo abbraccio  Offro il mio braccio, al nuovo e rinnovato abbraccio.  Il tuo cade leggero su di me come seta, nemmeno fossi io, la tua ultima meta.  Presto tra noi si annulla la distanza, a fior di pelle, annuso la tua fragranza.  Ti sfioro in alto la guancia, avverto giù dabbasso, la tua pancia.  Un fantastico lungo e intenso movimento, siamo diventati un sol corpo, in un momento! Francesco De Lucia Il Tango non è maschio o femmina: è coppia. E non è nato per essere ballato da una coppia fissa: la sua magia risiede nel passaggio di emozioni…
Pubblicato in Libri, Poesie Taggato con: , ,

Vedo Tango-art

PUBBLICATO IL 25 giugno 2008

Penas de bandoneon - Foto by Pele Arqueado mi “fueye” espera cansado el aire de un recuerdo que no quiere llegar Se inclina mi pecho de mangas absortas en los tenaces dedos de tu corazón, la esquina de mis besos se recuesta en la sombra de un viejo mirar. y una vereda de remedos acierta su pobre tristeza en tu almidón de cristal. (Flavia)  
Pubblicato in MULTIMEDIA, Poesie

Solo il tuo nome non so ricordare

PUBBLICATO IL 24 giugno 2008

Solo il tuo nome non so ricordare Ero triste gli occhi bassi a guardare lontano i pensieri impigliati in momenti passati delusione, sconforto, non so cominciare la musica incalza, tutti che ballano, guardando per terra volevo sparire… ma le scarpe per prime le gambe, la gonna, il tuo viso, i tuoi occhi, dolce il sorriso mi hai teso la mano ho detto “non sono capace”. Batto le ciglia, non eri sparita ancora le scarpe, la gonna, la mano il tuo viso, il tuoi occhi hai detto “proviamo, ad ogni passo è più facile” Il tango è iniziato e parlava d’amore…
Pubblicato in Poesie

Un gotan para dos

PUBBLICATO IL 23 maggio 2008

Mentre leggi il racconto/poesia, puoi ascoltare Los Mareados, interpretato por Astor Piazzolla. Un gotan para dos "Apenas entres la juné" - Appena entrato l'ho vista. Stava ballando. Mmmmm! Mi piace! E' snella e tanguera... Dopo tre minuti la cabeceo, la invito, .... "me copa"! Nella partenza già la apreto, la stringo. Un gemito mi accarezza l'orecchio. In ogni frase cerco, invento la combinazione. Che piuma! Faccio quello che voglio. "Que lindo!" Che bello! Le marco un ocho. Battuta dopo battuta allungo i tempi; conquisto il suo corpo in una calesita; geme sul mio lobo destro. Decido una quebrada, la arrugo,…
Pubblicato in Musica, Poesie

Poesia

PUBBLICATO IL 18 aprile 2008

In questi giorni sono stata contattata da Marzia Brunengo, ragazza che si diletta nello scrivere poesie. Mi ha fatto conoscere una delle sue opere che a me è piaciuta molto, e quindi ho deciso di pubblicarla immediatamente. Nei prossimi giorni mi ha promesso una breve chiacchierata, per spiegarmi da dove nasce la sua ispirazione. Aspettandola, le dico: brava, continua così!   TANGO ARGENTINO     Ti offro la mia fantasia Questa notte avrò altre concubine Tu sceglierai altri sultani Ma ora sei qui nella mia camicia Il calore del tuo corpo sulla mia mano I tuoi occhi già chiusi i miei attendono…
Pubblicato in MULTIMEDIA, Poesie

Tango perpendicular

PUBBLICATO IL 3 aprile 2008

Ringrazio Chiara, una nostra lettrice che ci ha fatto conoscere questa poesia di Stefano Benni, intellettuale poliedrico che negli anni ci ha regalato, tra l'altro, bellissimi romanzi. Tango Perpendicular E’ nel pavimento lavato dove brillano i pesci d’oro delle scarpe nuove E’ nel sudore sulla fronte del violinista E’ nel Cupido dal dente cariato che fa sedere le coppie, aspettando la mancia E’ nel bicchiere di Tempranillo dove lui desidera lei, attraverso un rosso inferno E’ nella segatura ben sparsa, perché nessuna lacrima vada persa E’ nel primo sopraggiungere del tango E’ nella notte curiosa dietro la porta chiusa Ma…
Pubblicato in MULTIMEDIA, Poesie

Sei la mia Dea o una mia idea?

PUBBLICATO IL

Donna sei tanto leggera che a volte penso di essere abbracciato a un sogno, di ballare con l'aria, ma è un'aria profumata, un'aria che sa di primavera. Sto diventando pazzo, o veramente sto ballando con una Dea? Ma forse sei solo una mia idea!                                                              (Chi) Foto by Mario Robusti
Pubblicato in MULTIMEDIA, Poesie

Il tango di Trilussa

PUBBLICATO IL 17 febbraio 2008

Er Papa nun vo' er Tango perchè, spesso, er cavajere spigne e se strufina sopra la panza de la ballerina che su per giù, se regola lo stesso... Tango e Furlana - Carlo Alberto Salustri (Trilussa) - 1914 QUI alcune delle sue poesie. Tango e Furlana   Er Papa nun vo' er Tango perchè, spesso, er cavajere spigne e se strufina sopra la panza de la ballerina che su per giù, se regola lo stesso. Invece la Furlana è più carina: la donna balla, l'omo je va appresso, e l'unico contatto chè permesso se basa sur de dietro de la…
Pubblicato in Opinioni, Poesie