Racconti

Milonga di carnevale

PUBBLICATO IL 21 gennaio 2016

Roma, febbraio 2015   Martedì, tre del mattino, carnevale d'inverno. Il panorama era grottesco. Un salone di dimensioni esorbitanti completamente rivestito di marmo; luci come acquarelli rossi, suonava una musichetta di tango elettronico. Le maschere scintillavano sulla pista, le ali di un angelo pretendevano una squallida sensualità appese a un 'gambelunghe' di tragedia*; alla diavolessa si aggrovigliava la coda mentre serpeggiava attorno ad un leopardo che la guardava a bocca aperta; la signora dal cappello appuntito tentava impossibili torsioni a discapito dell'equilibrio del suo compagno; la maschera a cui pendevano le piume tendeva la gamba infilandola in un fascio di…
Pubblicato in Racconti

Balli?… Certo!

PUBBLICATO IL 27 aprile 2015

Balli?... Certo!   Mi è capitato in Italia, mi hanno portato a un milonga dove si ascoltava un bel tanguito di fondo. Entrando mi é piaciuta l'illuminazione soffusa, qui e lá striscie di luci rosse, gialle, blù;  la gente andava e veniva sorridente, molto accogliente; a quel punto ci siamo seduti in piccoli sgabelli che erano distribuiti intorno al recinto di medie dimensioni.   E comincia a suonare 'Malo, malo, malo eres, no se mata a quien se quiere no...' (Pop Rock). Bene, una piccola 'cortina' allegra. Ma no. Le coppie hanno lasciato i loro posti, si sono abbracciati e…
Pubblicato in Racconti

Lena, non é magia é tango.

PUBBLICATO IL 20 aprile 2015

Lena, non é magia é tango. Buenos Aires.   Lena aveva la colonna vertebrale deviata, se la vedete di fronte il suo torso era una C; una spalla era dieci centimetri piú bassa dall'altra. La gamba sinistra non si piegava (sbloccava), le mancava l'equilibrio, soffriva di vari dolori, e non poteva camminare all'indietro. nonostante tutto cio´ Lena e le sue quasi sette decadi volevano ballare il tango, e  incontró  'milonguerito' ¿dove? dove ci stanno i 'milongueritos', nella milonga. Li ho visti a 'La Ideal', ampia e tradizionale; era affollata di ballerini quella sera, quindi dal mío angolo riuscivo a  vedere…
Pubblicato in Racconti

«El nueve cortado» dell’Argentina che sconfigge l’Italia 9 a 1

PUBBLICATO IL 30 ottobre 2012

«El nueve cortado» dell’Argentina che sconfigge l’Italia 9 a 1 Tra raggi sole e punte di vento freddo, domenica 28 ottobre allo Sporting Club Lanciani (vicino al Barrio) si è giocata la partita amichevole tra le due squadre rappresentative dei maestri di tango a Roma organizzata da La Doble Hoja del Tango (la rivista bimestrale a diffusione gratuita). I GOL - Per l’Argentina: Pablo Ariel Mujica 4, Mariano Navone 2, Lucas Gatti 1, Pablo Tango Del Duchetto Pablo 1, Jorge Alberto Ramos  1 Per l’Italia: Roberto Castrucci 1 LA PARTITA - A dieci minuti dall’inizio l’Italia va in vantaggio con…
Pubblicato in News, Racconti

FAI-enigmistica: giochi da spiaggia

PUBBLICATO IL 25 luglio 2008

Nonna Papera al mare LUCCHETTO Mentra l'xyyyy nel cielo brilla ardente, sulla sdraio della spiaggia mi rigiro con affanno. Ascolto tanghi e per FAIblog traduco qualche yyyyzz; la calura si è fatta assai opprimente: ci vuole un bel tuffo in mare con quest' xzz!!! Foto by Bravura
Pubblicato in Racconti

Un tango una storia: Don Pedro

PUBBLICATO IL 22 luglio 2008

Nel 1717 arrivò in Argentina il gesuita toscano Domenico Zipoli, compositore e autore di famose sonate; sbarcato a Buenos Aires, si stabilì nella missione gesuita di Cordoba per completare gli studi teologici, ma la sua passione per la musica lo rallentò in questo intento. Più che studiare teologia, componeva, dirigeva il coro e trasmetteva il suo sapere musicale ai cordobesi. Quasi due secoli dopo, nel 1911, in occasione dell'inaugurazione dell'organo nella chiesa di San Carlo in provincia di Buenos Aires, furono suonate quattro sue composizioni per organo. A dirigere il concerto, un direttore d'eccezione: il maestro italiano Pietro Mascagni, casualmente in…
Pubblicato in Musica, Racconti

Tango: con un po’ di fortuna…

PUBBLICATO IL 18 luglio 2008

Tres cosas hay en la vida: salud, dinero y amor. El que tenga esas tres cosas que le de gracias a Dios. Pues, con ellas uno vive libre de preocupación, por eso quiero que aprendan el refrán de esta canción.... Nella vita ci son tre cose: salute, denaro e amore. Chi ha queste tre cose deve ringraziare Dio. Infatti con queste uno vive libero dalle preoccupazioni, per questo voglio che impariate il ritornello di questa canzone.... Salud, dinero y amor -Rodolfo Sciammarella y Mariano Mores - Vals QUI la versione di Francisco Canaro con Francisco Amor Buona fortuna! - Foto…
Pubblicato in Musica, Opinioni, Racconti, Traduzioni

Un tango una storia: Angelica

PUBBLICATO IL 15 luglio 2008

Per essere precisi non dovremmo parlare di tango ma di vals, e per essere più precisi ancora dovremmo parlare di Zamba. Infatti il brano di cui parliamo oggi è una bellissima Zamba di  Roberto Cambaré che si intitola Angelica. Nel video qui sotto le splendide immagini della Patagonia sono accompagnate dalla versione suonata e cantata del mitico gruppo folkloristico dei Los Chalchaleros. [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=JO3JEqWQ5cY] Benchè sia molto semplice come melodia e parole, quando fu pubbliata negli anni sessanta, ebbe subito un immenso successo. Piaceva a tutto il Sudamerica, non solo agli argentini. Forse le variazioni delle note, con una linea melodica…
Pubblicato in Musica, Racconti, Rivista

Andiamo tutti a Canaro!

PUBBLICATO IL 4 luglio 2008

In Italia, in provincia di Rovigo, c'è un paese che si chiama Canaro. Il comune deve il suo nome alle numerose canne presenti nella zona, ma secondo la tradizione popolare, deriverebbe dal nome di un pescatore, Naro, che per primo si insediò nella zona, creando il nucleo della cittadina, battezzata così "Ca' di Naro" . Una combinazione folle vuole che proprio in questo paese, siano nati i genitori di Francisco Canaro, successivamente emigrati in SudAmerica, dove il pirincho nacque!!! M. di Marco, nel suo sito Tangocaffè, racconta la visita che Canaro fece in Italia nel 1926, anche per visitare il paesino e…
Pubblicato in Racconti

Un tango una storia: Silencio

PUBBLICATO IL 2 luglio 2008

La Prima Guerra Mondiale, sconvolse l'Europa, questo è risaputo, ma gli effetti della guerra toccarono anche l'Argentina, seppur neutrale nel conflitto. In realtà, la grande percentuale di immigranti europei presenti a Buenos Aires, e non solo, fece sentire il peso della guerra anche oltre oceano. Non sono molti i tanghi che hanno raccontato questo tragico evento. Tra i più famosi, H.A. Benedetti ne ricorda due: La Novena di Bonano e Bigeschi e Silencio di Gardel, Le Pera, con il contributo di Horacio Pettorossi. Ed è di quest'ulimo tango che parliamo. Racconta la storia del presidente francese Paul Doumer assassinato da…
Pubblicato in Musica, Opinioni, Racconti, Rivista, Video