Rivista

I quadri di Fabian Perez

PUBBLICATO IL 14 maggio 2008

Fabian Perez è nato a Buenos Aires nel 1967. Nonostante la giovane età è già un artista affermato, e i suoi lavori hanno l'intensità di una vita vissuta. Dovrei parlare dei suoi quadri, ma voglio iniziare dal magnetismo dei suoi occhi ... ti incantano come quelli di uno scorpione! Ha uno sguardo attento, forse addestrato dal karate che pratica, ma quello che vedono i suoi occhi è magico! E la magia passa nei suoi quadri. Poi dovrei parlare delle sue mani...ma lascio perdere sennò pensate che mi sia innamorata! ;-) Ha girato tutto il mondo ed è stato anche diversi…
Pubblicato in Pittura, Rivista

Paris c'est toujour Paris!

PUBBLICATO IL 9 maggio 2008

Il tango cancion, fin dai suoi esordi, ha visto trattare più o meno gli stessi temi: le donne, l'amore, la mamma, l'emigrante, il barrio, il mondo campero, l'uomo tradito, ecc... Fra questi temi, sin dai primi anni, non è mai mancata la grande Parigi, con il suo fascino e il suo mistero! E spesso guardando uno scorcio di Montmartre mi sembra di vedere BsAs! Un farol de Montmartre - Foto by Muffin Parigi è stata sempre un importante punto di riferimento per il tango (perchè lo era per gli argentini in genere): vi si sono trasferiti i primi maestri, le…
Pubblicato in Musica, Opinioni, Racconti, Rivista

Un tango una storia: La copa del olvido

PUBBLICATO IL 6 maggio 2008

Il tango di cui vi parlo oggi è uno dei tanti tanghi che sono stati scritti appositamente per un sainete porteno. Il sainete (imparentato con la zarzuela spagnola) non è altro che una scenetta che rappresenta la realtà dei sentimenti e dei drammi umani (avete presente il nostro Mario Merola a Napoli...ecco! Più o meno potete farvi una idea). Queste operette teatrali, a carattere popolare e giocoso avevano spesso gli immigranti come protagonisti e oltre a divertire, facevano riflettere sui problemi sociali derivati dal fenomeno dell'immigrazione. Ovviamente un sainete scritto a Buenos Aires non poteva non essere imbevuto di tango.…
Pubblicato in Musica, Opinioni, Racconti, Rivista, Traduzioni

Ricordi dal Caño 14

PUBBLICATO IL 29 aprile 2008

Il Caño 14 è un mitico locale notturno: venne inaugurato nel 1964 da Atilio Stampone (il cugino di Hector) e nel giro di poco tempo diventò un tempio del tango. Era conosciuto da tutti anche perchè fra i soci c'erano l'ex calciatore del "Terceto de Oro" del '46 Rinaldo Martino (grazie alle origini italiane, giocò anche nella Juventus) e l'attore Pedro Aleandro. Insomma come se nella nostra capitale avessero aperto un locale Totti e Claudio Amendola!   Hugo Jordan - su amigo - Oscar Benavidez - Hector (Chupita) Stampone - Cacho Ramos (cachito Ben Ben) Negli anni settanta era un vero e…
Pubblicato in MULTIMEDIA, Racconti, Rivista

Donne e motori … tango e dolori!

PUBBLICATO IL 17 aprile 2008

Parliamo degli anni venti, gli anni del dopo guerra in Europa, gli anni del grande Boom prima del grande Crak in America. Sono gli anni della crescita economica argentina e del rinnovamento delle idee e dei codici morali. E cambia anche la donna porteña: si taglia i capelli, accorcia le gonne, usa creme, si trucca, fuma, beve, lavora e guida l'automobile!!! Pola Negri, una delle regine del glamour di quegli anni Poteva l'uomo argentino accettare questa situazione senza dire nulla? Molti misogeni si scatenano nelle critiche. Un esempio? José Bohr, il dandy avventuriero per eccellenza, nel 1924 scrive queste rime:…
Pubblicato in Cultura argentina, Musica, Racconti, Rivista

La pietra che ballava la milonga

PUBBLICATO IL 13 aprile 2008

Ascoltavo ieri mattina alcuni brani dell'Orchestra di Leopoldo Federico e fra essi la mia attenzione è caduta su una simpatica milonga dal titolo "La Movediza" (QUI). Quando incontro un titolo un pò strano, come in questo caso, indago un pò, perchè spesso i titoli di un tango o di una milonga nascondono una storia. E anche questa volta è stato così; inizialmente pensavo che la Movediza fosse una ragazza un pò "volubile", ma il fatto che sulla copertina del CD il termine fosse scritto con la maiuscola, mi ha fatto pensare a qualcosa di meno generico. Ed è così. Con buona…
Pubblicato in Cultura argentina, Musica, Racconti, Rivista

Intervista a Felix Picherna

PUBBLICATO IL 2 aprile 2008

Ho approfittato di un giro al festival di Torino per riuscire a fare una chiacchierata con Felix Picherna, musicalisador argentino che tutti conosciamo e che allieta da tanti anni le nostre serate. E’ stata una bellissima esperienza, con lui che parlava a ruota libera dei suoi ricordi e della sua vita. Lo ringrazio di quello che mi ha trasmesso, e mi sento molto fortunata di aver parlato con lui. [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=60MypAZE2-Y] Sono nato a Recife, a 180 km da Buenos Aires, cittadina dove il 90 % dei cognomi è italiano. Il mio papà aveva un cognome italiano, ma non ricordo esattamente…
Pubblicato in Interviste, Rivista

Bruuumm! Fangio Tangio!

PUBBLICATO IL 4 marzo 2008

Juan Manuel Fangio non ha bisogno di troppe presentazioni. Lo potremmo definire un italo-argentino perchè nacque a Balcarce in Argentina, ma da genitori abbruzzesi: due emigranti provenienti da Castiglione Messer Marino, paesino in provincia di Chieti (ci legge nessuno di quelle parti?) Grande campione delle quattro ruote, è rimasto nei cuori dei suoi tifosi per la simpatia, ma soprattutto per le numerose vittorie, fra cui 5 titoli mondiali, di cui 4 consecutivi ('51, '54, '55, '56 e '57). Un vero record! Corse in tutto il Sud America e nel Vecchio continente, per marche molto prestigiose: Alfa Romeo, Maserati, Mercedes... ; le sue gesta…
Pubblicato in Cultura argentina, Musica, Racconti, Rivista

A Cena con "Punto y Branca"

PUBBLICATO IL 28 febbraio 2008

Siamo andati fino a Milano, in via Parenzo 7, alla Comuna Baires, per intervistarlo e con lui abbiamo trascorso una piacevole serata; prima a cena, scambiando due chiacchiere, poi in milonga: lui dietro la consolle, noi in pista a ballare le sue bellissime tandas.  Stiamo parlando di Jorge Vacca, in arte "Punto y Branca" !   .….SE LLAMA TANGO Y NADA MAS….. Dici "Il fumetto è nazional popolare"; dicono "il tango è un ballo popolare". Quanto c'è del fumetto in un tango e quanto del tango in un fumetto?  Credo che ogni forma di cultura popolare si contamini l’una con…
Pubblicato in Interviste, Musica, Rivista

Anche la Bella Otero ballava il tango…

PUBBLICATO IL 21 febbraio 2008

Chi sia Agustina Otero Iglesias, in arte La bella Otero, non c'è bisogno di ricordarlo. Tutti abbiamo sentito parlare della sua bellezza esotica, del suo successo di seduttrice nella Bella Epoque francese di inizio secolo; tutti abbiamo sentito parlare di amori, amanti, amici influenti che la ballerina, cantante e attrice ha incontrato nella sua lunga vita. Per lei furono scritti versi e poesie d'amore; quelle che lei più di sovente recitava dicono: Dicen que soy una alhaja, dicen que soy una joya y dicen que me he escapado de los tapices de Goya. Dicono che sono preziosa, dicono che sono…
Pubblicato in Racconti, Rivista