Tango: parole d’amore

PUBBLICATO IL 17 settembre 2007

Deliciosas criaturas perfumadas,
quiero el beso de sus boquitas pintadas;
frágiles muñecas del olvido y del placer,
ríe su alegria como un cascabel.

Deliziose creature profumate
desidero i baci delle loro boccucce colorate;
fragili bambole dell’oblio e del piacere,
risuona la loro allegria come una campanella.

Rubias de New York – Le Pera y Gardel – (Fox-trot 1934)
Ascolta QUI la versione cantata da Gardel

Las rubias de new York

ARTICOLI CORRELATI #

4 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Dopo tanta tristezza: la disperazione del cieco di Charlemos, le storie dei cimiteri, la tomba di Gradel, la vita che se ne va in Toda mi vida, un pò di colorata spensieratezza per tirarci su 🙂
    Ciao
    Chiara

  2. deborah ha detto:

    Osservate il sorriso….non notate una certa somiglianza con un suo collega, anche lui cantante melodico di struggenti storie d’amore, un tal Silvio Berlusconi?
    Chiara sono sicura che tra i successi di Apicella saprai trovare anche qualche tango!
    😉 Deborah.

  3. Chiara Chiara ha detto:

    Sulla somiglianza posso anche essere d’accordo!
    Sul fatto che nel repertorio di Apicella possa esserci un tango degno di tale nome…nutro seri dubbi!

    Ciau
    Chiara

  4. lucy ha detto:

    uh, signur! in una foto così manca la manina che fa le corna e il gioco è fatto! che occhio deborah! complimenti, mi consenta.
    lu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*