Cose turche!

PUBBLICATO IL 25 dicembre 2007

A detta dell’amico Mario Cambiaghi (QUI), e di lui c’è da fidarsi, i turchi hanno bloccato l’accesso al nostro blog. In attesa di scoprire il perchè, parliamo un pò di loro e del loro tango. L’unica idea che mi viene, circa la sospensione, è che tempo fa abbiamo parlato di Moni Ovadia (QUI, QUO e QUA … che Nonna Papera sarei sennò!), che è uno dei “personaggi illustri” pro Turchia in Europa. Ma va a capire… di politica me ne intendo veramente poco!

L’idea di parlare di Turchia comunque era già nell’aria da un pò di giorni, proposta dall’ottimo Maniacus, che ha fornito le foto per il post. Caso di telepatia?  😉

Turchia o Venezia?

Dite se questo scorcio turco non pare una delle stradine di Venezia!

Giorni fa infatti, Maniacus mi ha fatto ascoltare un disco di tanghi turchi degli anni sessanta: si intitola Olmeyen tangolar di un certo Secaating Tanyerli. Questa è la copertina dell’album.

A sentire i brani è stato come fare una capatina in una delle balere dove si balla il liscio qui in Romagna. Roba da pelle d’oca! 🙂  Se volete farvi un’idea ecco un video con uno dei brani del disco, precisamente la traccia cinque!

Come tutti sappiamo, il tango turco ha seguito una sua evoluzione, distaccandosi da quello porteño, e avvicinandosi un pò a quello europeo con l’influenza del tango yiddish. Ma non lo conosco molto bene. Però sentendone le sonorità, non mi ha mai colpito a tal punto da volerne approfondire la conoscenza! 😉

Farol

Che ne dite di questi farolitos per le nostre milongas?

Se poi Funda, l’humortanguera di Instanbul,  ci volesse raccontare di più sul tango turco… la ringrazieremmo sentitamente! Ovviamente se riuscirà a collegarsi! 😉

Un caro saluto
Chiara

ARTICOLI CORRELATI #

9 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Grazie Mario per la delazione 😉
    Grazie Maniacus per splendide foto (non ne ho potute inserire di più per pb di memoria) e per la musica!
    Siete impagabili!
    🙂

  2. dctango dctango ha detto:

    Per una volta io non c’entro, fiuuu !!!

  3. Chiara Chiara ha detto:

    Oh! Ancora non è detto!
    😆

  4. dctango dctango ha detto:

    E già…
    Al massimo mi troverete rifugiato in qualche accampamento curdo… 😛

  5. Mario Cambiaghi ha detto:

    La Funda è ovviamente proxata, e qua dentro non ci arriva neanche a colpi di scimitarra… ;-(
    Però vi manda, mio tramite, una immagine del suo idolo.
    Mustafà Kemal Ataturk, il fondatore della Turchia repubblicana, laica e democratica.
    Come non amarlo?
    Ballava pure tango…
    E non era facile, negli anni ’20, da quelle parti…

    http://www.lutto.org/documenti/em/ataturk.jpg

    Già che ci sono, e che li ho sottomano porteña per fotografarli, vi mando in tempo reale immagini di un cd di tanghi turchi, a suo tempo trovato là.
    La preciosura sta nel fatto che sono degli anni ’20 e ’30.
    Mica di ieri.
    Un squisitezza, musicalmente e storicamente parlando…

    http://www.lutto.org/documenti/em/tangoturco1.JPG

    http://www.lutto.org/documenti/em/tangoturco2.JPG

    PS: No ho ora tempo di effetipizzarne gli mp3.
    Ma se ti interessano te ne mando un paio.
    Magari il Tribunale istambuleño si intenerisce… 😉

  6. Chiara Chiara ha detto:

    Uhelà Mario!
    Roba forte!
    Decisamente cose turche 😀
    La foto di Ataturk mi ha fatto scappare un “ohi mama!”, ma per motivi diversi dal solito!
    Sapevo della sua storia (QUI) ma questa foto non l’avevo vista a colori!
    Sempre chicche tu eh? 😉

    Manda manda ci piace la roba frusciante!
    🙂

    Grazie!

  7. lucy ha detto:

    le “stradine” di venezia si chiamano calli, singolare calle como en espanol e poi quella stradina lì sembra più di granada o siviglia che venezia…

    se ci hanno bloccato è perchè ci sono troppe mutande e troppe allusioni osé, viva (mamma!) li turchi!

    l’unica cosa che so che ha a che fare col tango turco è che ogni tanto tutti incappiamo in un pezzo e certi sono in sè belli, orientaleggianti, ma col tango…ciccia! durante una manifestazione di piazza, l’estate scorsa, una ragazza vicino a me si commosse dicendo “questa è una musica del mio paese! e voi lo ballate a tango! è meraviglioso!”

  8. Chiara Chiara ha detto:

    Ciao Lucy perdonami se ho paragonato un mercatino turco (credo che sia coperto…poi Maniacus ci dirà che roba è) a una calle della tua Venezia!
    Ma io la vedo con l’occhio dello straniero, e ti assicuro che mi ha fatto quell’impressione!
    😉

  9. lucy ha detto:

    adesso non sei più straniera e vedrai come ti muoverai bene in capo a due o tre visite! anche se non hai senso dell’orientamento…e poi io sarò vicino a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*