Tango: lo scoramento

PUBBLICATO IL 13 gennaio 2008

Voy a aprender a llorar sin sufrir,
sin detenerme a mirar una flor,
… y latir… al compás del reloj;
como una máquina fiel igual que un robot…¡sin piel!
Después de haber sentido hasta el dolor.. a los demás,
de darme sin medir, de amar sin calcular,
llegó la indiferencia metiéndose en mi piel
pacientemente cruel, ¡matando mi verdad!

Imparerò a piangere senza soffrire,
senza fermarmi per guardare un fiore,
… e pulsare … al ritmo dell’orologio;
come una macchina esatta, come un robot… senza pelle!
… Dopo aver sentito persino il dolore degli altri,
aver dato senza misurare, aver amato senza calcolare,
è arrivata l’indifferenza e si è infilata sotto la mia pelle
pazientemente crudele, uccidendo le mie certezze!

Sin Piel – Eladia Blázquez – 1970
QUI il video dell’orchestra di Pepe Motta al Cafè Homero nel 2005

 

ARTICOLI CORRELATI #

3 commenti

  1. lucy ha detto:

    bel buon giorno domenicale, non c’è che dire! cielo grigio su…

  2. Chiara Chiara ha detto:

    Che ci vuoi fare?
    A volte capita!
    🙂

  3. motogio ha detto:

    anche i Robot hanno un anima

    anch’essi tengono famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*