Tango: le esibizioniste.

PUBBLICATO IL 26 marzo 2008

Ma siamo davvero tutte così? 😆

ARTICOLI CORRELATI #

42 commenti

  1. massimo ha detto:

    Per lei non ci vuole un ballerino, basta anche un attaccapanni.
    Reminiscenze labdanciane…
    Mass

  2. massimo ha detto:

    Sorry: lap

  3. Franco ha detto:

    beh.. se è lap allora basta un palo.. 😆

  4. motogio ha detto:

    lei sembra Renato Zero (aggiunto commento su youtube)

  5. Chiara Chiara ha detto:

    Comunque sia Jose Garofalo dimostra una ironia bestiale. Io di donne che fanno così ne ho viste, … e le ho anche beccate come ballerine da “condurre”! Uno spasso…almeno per me donna!
    🙂

  6. motogio ha detto:

    ciao piccia

  7. Chiara Chiara ha detto:

    Ciao Gio. Mi fa un certo effetto commentare e trovarti online a una distanza maggiore di un metro l’uno dall’altra!
    Vi con

  8. Chiara Chiara ha detto:

    Scusate queste effusioni familiari!
    😉

  9. Chiara Chiara ha detto:

    Per Massimo: queste “reminiscenze lapdanciane” sono quelle che guardavi o che ballavi?
    😆

  10. massimo ha detto:

    Quelle che ballavo … ovvio!

  11. massimo ha detto:

    Mi continuano a scandalizzare di più gli uomini “prime donne”.
    Cioè coloro che si dimenano con laboriosi piedini appena fatto un “laterale” lasciando alla parter qualche ochottino qua e là giusto per non trascurarla troppo. Quelli che invece di far girare le donne girano loro intorno come degli ossessi e che per giunta, tra un giro e l’altro, buttano lo sguardo sugli “spettatori” per assicurarsi che tutto quello che stanno facendo non sia perduto ad uso e consumo di una povera parter occasionale…

  12. emanuele emanuele ha detto:

    A me invece l’esibizionismo altrui non disturba: non me ne può fregare di meno, manco lo guardo.

    Avete commentato in modo feroce un video che secondo me ha un solo peccato: quello di essere finito su Youtube invece di essere dedicato ad una visione privata, per migliorarsi (magari con il consiglio di un maestro che sappia fare il suo mestiere)

    Lancio una provocazioncella: alzi la mano chi non avrebbe alcun timore a mettere su Youtube un video qualsiasi (non preparato e ritoccato) delle proprie prestazioni tanguere.

  13. Franco ha detto:

    L’esibizione comunemente detta, è espressione e interpretazione personale del sentire un brano musicale.. e come tale non mi disturba.. anzi alle volte è piacevole vedere 2 bravi ballerini.

    Immagino che sia l’associazione alle persone che può renderla gradevole o odiosa. 😉

  14. doribaby doribaby ha detto:

    Secondo me la signora(?) ha dei problemi circolatori…..
    In quanto alla domanda: no che non siamo così. Epperfortuuunaaaa!!!!!

  15. lucy ha detto:

    mi sa tanto che io fino ad ora non ho capito GNANTE!

  16. Chiara Chiara ha detto:

    Ma Ema, il video l’hai visto??????? 🙂

    E’ una chiara provocazione di un uomo (Jose Garofalo) che imita le donne che vanno per i fatti loro pur di fare qualche voleo o adorno in più!
    Adorabile quando su un corte quasi si butta per terra (l’ho visto fare davvero!).

    L’intento dell’esibizione è molto ma molto ironico, e, aggiungo, meno male che qualcuno lo ha messo su Youtube e che ci ha regalato questa perla deliziosa!!!
    🙂

  17. Franco ha detto:

    Chiara: mi sà che se portiamo una telecamera al rio un video simile lo possiamo postare anche noi.. 😉

  18. Chiara Chiara ha detto:

    Ecco Franco!!! Focherello, focherello, fochino….ti stai avvicinando a indovinare…
    🙂

  19. Franco ha detto:

    ma guarda che so già chi è..

  20. Franco ha detto:

    C’è solo una persona che fà acrobazie simili.. 😆

  21. Alberto Alberto ha detto:

    Il video lo trovo molto divertente, in qualche commento fa raccontavo una mia esperienza con una ex ballerina di classico, ecco è stato una cosa tipo questa compresa la spaccata, il tutto ad un ritmo piu sostenuto… solo che da principiante trovarsi nel mezzo del turbine con una gran bella ragazza …. sono altre emozioni …. a dire il vero ogni tanto mi sentivo tipo palo da lap dance…. ma non è che la cosa mi desse poi tanto fastido…. 🙂

  22. maniacus ha detto:

    Risposta al quesito: No non sono tutte cosi! 🙂

    anzi non siamo tutti cosi ma qualcuno cosi c’è, eccome!!!

    Molto divertente, ironico, a me sembra la parodia di chi vuole imitare Gavito e Maria, badando più alla esteriorità (pacchiana) del gesto piuttosto che all’essenza del movimento…

    Scusate forse forse sono in fase di cazzeggio kafkiano

  23. Chiara Chiara ha detto:

    Sai Alberto che ricordo quella storia…e ricordo che eri rimasto particolarmente colpito… 😉

  24. Alberto Alberto ha detto:

    E si!…. è un bel ricordo….
    Ieri qui nevicava.. poco… ma fa un freddo cane, stamattina presto le pozzanghere erano lievemente ghiacciate…..
    appena verrà bello sarò sommerso dal lavoro e sarò meno presente nei commenti….. adesso vado a lezione… mandi mandi

  25. Chiara Chiara ha detto:

    POh bella! I camini si puliscono dopo e non prima dell’uso?
    Mia mamma ha sempre fatto pulire a settembre!
    vabbè…è la mamma di Nonna Papera! 🙂
    🙂

  26. deborah deborah ha detto:

    Divertente il video, è vero a volte si vedono cose simili in giro, però giustamente “alzi la mano chi non avrebbe alcun timore a mettere su Youtube un video qualsiasi (non preparato e ritoccato) delle proprie prestazioni tanguere”.
    Ricordo una spassosissima parodia anche nel già citato spettacolo per i 100 anni del tango, qualcuno l’ha visto? 🙂 Guardate cosa fa il ballerino per “salvarsi” dalle iniziative della mujer:

  27. Chiara Chiara ha detto:

    Quello che dici è condivisibile.
    Però qui non si tratterebbe di “scarsa” tecnica, ma di scarsa sensibilità tanguera. Per una donna che scalpita per fare ganci e volei non chiamati, non c’è cura!
    🙂

  28. dctango dctango ha detto:

    Ci sono alcune che basta toccarle che parte il voleo.
    Mi fanno venire in mente quelle donne che basta che le sfiori…

  29. emanuele emanuele ha detto:

    …e ti arriva uno schiaffo sul muso! 😆

  30. dctango dctango ha detto:

    e …aaaaaaa 😆

  31. emanuele emanuele ha detto:

    Chiara: La cura c’è: basta lasciarla a scaldar la sedia!

    Dalle mie parti c’è una che non c’è verso se anche marchi un giro ma lei voleva un ocho, si fa un ocho! se vuole che fai una cosa si ferma e te lo “spiega”… (teribbile!!!)

    La vedo quasi sempre seduta…

  32. Franco ha detto:

    La scorsa sera ho avuto un’illuminazione sul tema..
    Ero ad uno stage ed ho ballato qualche pezzo con una ragazza sconosciuta che, ad ogni voleo o sacada si contorceva amplificando il movimento tanto da minare il suo equilibrio portandola quasi sempre fuori asse.. e compromettendo l’esito dell’esercizio su cui stavamo lavorando.
    Mi è tornato alla mente il post.. 🙂
    Ho pensato al fatto che nessuno degli insegnanti la correggeva, lei non era certo un’esibizionista ma questa caratteristica era già entrata a far parte del suo modo di ballare..
    meditate insegnanti.. meditate..

  33. Alessandro Alessandro ha detto:

    X Emanuele…
    Ci credo che resta sempre seduta… sai che piacere una tanda con lei…

    X Franco
    Purtroppo ci sono delle SPECIE di maestri che non hanno interesse nel fatto che i loro allievi migliorino… anzi!
    Ancora di piu’ per gli stage dove la “toccata e fuga” non ti lascia quasi mai niente di concreto (fate i conti di tutte le cose importanti che avete imparato durante gli stage…)
    Purtroppo ci sono personaggi che fanno del tango un business indiscriminato… ma daltronde finche’ c’e’ gente che li segue fanno benissimo!
    Personalmente ho deciso di evitare gli stage inutili… seguo i miei maestri che ogni settimana mi “martellano” e mi perseguitano con tutte quelle correzioni di postura… tutte quelle “sottigliezze” che sembrano piccole cose ma fanno la differenza… cosi’ semplici ma cosi’ difficili da imparare bene!
    Molti “maestri” questo non lo fanno… perche’ c’e’ gente che non apprezza essere corretta… e preferisce un “bravo bravo!!!” oppure “muy bien…” prova prova…
    No… mi spiace… i “maestri” che mi piacciono sono davvero pochi…

    … ma scusate… sono andato leggermente offtopic…

  34. lucy ha detto:

    va di moda il voleo nuevista che si fa con il trucchetto… chi non sa farlo con la “bugia” si dimena, va fuori asse e se glielo lasciano fare…ok fino a che sei a lezione, ma se poi me lo esporti in milonga e io mi prendo i tuoi tacchi *intocùlo* allora mi inc….
    infatti stamattina sto inc……

  35. Niky ha detto:

    bugia ?

  36. lucy ha detto:

    è un modo di dire per indicare i trucchi del mestiere. di ogni mestiere.
    sta’ contento che anche oggi hai imparato qualcosa, niky.

  37. Niky ha detto:

    Mestiere ?

  38. lucy ha detto:

    niky?

  39. Franco ha detto:

    x Alessandro: è vero che lo stage non ti lascia quasi mai niente, ma solo se lo scopo è quello di imparare la figura..
    ..col tempo ho imparato che è più importante imparare il “concetto” da cui scaturisce la figura.. con l’esperienza, acquisito il concetto, di figure te ne inventi quante ne vuoi.

  40. deborah deborah ha detto:

    Ho visto anche maestri che si sfiniscono a ripetere i concetti e le dinamiche e allievi che continuano a dimenarsi, amplificare, esagerare. Non potendo entrare nella loro testa han voglia a raccomandarsi…

  41. deborah deborah ha detto:

    Una sera ho sentito lo sfogo di un maestro che diceva: “ho alcuni soggetti che nemmeno se li porti a Lourdes…”

  42. Franco ha detto:

    Ciao Deborah, ho visto che l’altra sera riprendevi l’esibizione.. non è che per caso me ne fai una copia..? 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*