Un viaggio a BsAs

PUBBLICATO IL 30 marzo 2008

Ne abbiamo parlato tante volte. Un desiderio di molti tangueros è quallo di fare un viaggio a BsAs. Però spesso si rimanda: non c’è il tempo, non ci sono i soldi, manca una buona compagnia per partire … è troppo lontano e si è spaventati da ciò che non si conosce. Oggi è domenica e vi offro un viaggio per Buenos Aires. Economico, veloce e divertente! Siete pronti???? 

Allacciate le cinture!!!

Bagagli in Aereoporto

Come ogni viaggio verso la capitale del tango, si parte in aereo. L’arrivo con vista sulla scacchiera di Baires, interrotta solo dalla fila di grattacieli della via principale, che sembrano i denti di una balena che si affaccia sul mare, è qualcosa di veramente emozionante. Ecco un ATTERRAGGIO perfetto, senza mal d’aria e con ottima visuale!

All’arrivo, appena il tempo di cambiarti d’abito; non si ha mai l’abbigliamento giusto quando arrivi … sarà perchè sei dall’altra parte dell’Equatore? E nemmeno ti sei cambiato che già, per ambientarti, vai a fare un giro mangereccio in uno dei MILLE CAFE’ ! Seduto davanti alla tua tazza di caffè, con un bel piatto di dolciumi vari, guardi la città che passa davanti alla vetrata e studi l’ambiente!

Oggi è il primo giorno. Ti vuoi guardare un pò intorno. Per il tango c’è tempo! 
Come non detto! Appena fai due passi, senti arrivare da dietro l’angolo, le note di un tango! Corri a vedere! Niente popò di meno che un’INTERA ORCHESTRA! Roba che, a ragione, da noi, ci farebbero un seratone!

Ma ora basta con le chiacchiere. Bisogna riposare un pò perchè stasera c’è lo SPETTACOLO AL TORTONI e poi la milonga. E’ sabato sera … li voglio proprio vedere questi PORTENI DOCall’opera! Un ocho cortado, un giro, et volià…sembra facile!

Facile o non facile, qualche lezione bisogna prenderla! Vieni a BsAs e non fai nemmeno una lezione? Ti puoi fermare qui…il metodo sembra valido! E i maestri sono eleganti!

tango lesson

Quando hai voglia di rilassarti puoi fare qualcosa di diverso. Potresti andarti a sedere su una panchina nel cimitero de LA CHACARITA. Magari ci ritrovi pure Gardel… Mannaggia! E chi si ricorda mai se sta li o nell’altro cimitero. Vabbè… uno vale l’altro. Se non trovi Gardel, ci troverai Evita!

Capita anche che non hai voglia di tango. Magari prendi un TAXI e vai in giro per la città. La 9 de julio, l’Obelisco, il Colon, … proprio così. Te li puoi vedere da dentro il taxi, magari ascoltando una voce di tango! E potresti anche farti portare a LA BOCA! Perchè no? L’odore di mare ti farà bene!

Sarà l’aria che si respira, sarà questa musica di tango, ma da subito senti la nostalgia per questo posto. Però devi tornare a casa perchè l’opera sia completa. Non puoi avere nostalgia se ci stai!
Buenos Aires la devi sognare, da oltre oceano. Solo così amerai il tango.
E il viaggio finisce.
Torni a casa con questo rumore e questi odori nel cuore. ADIOS BUENOS AIRES!

(Ringrazio tutti quelli che hanno documentato i loro viaggi, quelli che hanno avuto voglia e modo di partire, quelli senza i quali questo viaggio non sarebbe stato possibile! 🙂 )
Chiara

ARTICOLI CORRELATI #

3 commenti

  1. Chiara Chiara ha detto:

    Chi ha fatto questo viaggio virtuale può lasciare le sue impressioni!
    🙂

  2. Alberto Alberto ha detto:

    Brava Chiara, mi sta quasi venedo voglia di andarci.

  3. deborah deborah ha detto:

    Che bella Chiara l’idea del viaggio virtuale, grazie. Interessante, molto economico e non ho nemmeno consumato le ferie 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*