"El Castrado"

PUBBLICATO IL 30 maggio 2008

Il passo di oggi si chiama “la Castrada” e deve essere compiuto dalla ballerina con millimetrica precisione tra le gambe del varòn. Viene attuato soprattutto quando l’hombre è particolarmente antipatico o fa il saccente durante la tanda. La ballerina alla prima apertura di gambe dell’uomo deve effettuare una rotazione del proprio corpo , infilare la gamba tra quelle del varòn e con tutta la forza che può sollevarla fino a venire a contatto con i gioiellini del malcapitato. Di solito funziona !!! 😉

ARTICOLI CORRELATI #

16 commenti

  1. dctango dctango ha detto:

    La Chiara la sa fare molto bene questa figura 😆

  2. doribaby doribaby ha detto:

    Di solito funziona???Di solito poi NON funziona piu’…

  3. Niky ha detto:

    😆
    se vedete girare varones dalla voce bianca in milonga, allora vorrà dire che hanno provato la “castrada” !!! 😆

  4. doribaby doribaby ha detto:

    buoni alla griglia!

  5. Chiara Chiara ha detto:

    Io questa figura la chiamerei “Titanic”
    😆

    p.s. non la so fare…eppoi mi uscirebbero fuori le tette…con gli scolli che porto!
    🙂

  6. Niky ha detto:

    Di Toro o di Struzzo ooops dimenticavo che ne hai uno in famiglia, il Plinsky !!! 😉

  7. dctango dctango ha detto:

    Allora se ti escono fuori le tette la/le vogliamo vedere alla prima occasione, anzi vengo a Rimini apposta. 😉
    La figura se viene eseguita in senso rotatorio viene anche detta “elicottero” !

  8. Franco ha detto:

    Ehmm.. io la so fare.. 😀 ma chissà perchè non la provo mai.. 😆

  9. Franco ha detto:

    cmq.. garantisco che se guidata bene non si colpiscono gli zebedei..
    😆

  10. Alberto Alberto ha detto:

    Mi pare più un passo da “omicidio suicidio”, di fatti se la dama non si ferma in tempo il ballerino minimo minimo, nel veder le stelle, la molla di botto che se lei è appenna un po più fuori asse da una musata a terra di quelle sante, e si ritrovano tutti e due in ospedale a farsi ricostruire qualcosa… lei il naso. >:o

  11. Niky ha detto:

    Per Franco: ma se la guidi male o scivoli e te la tiri addosso hai finito la carriera e ti puoi iscrivere al coro delle voci bianche 😆

  12. Chiara Chiara ha detto:

    Franco la sai fare?!!!
    Evvai! Che stasera ci divertiamo!!!
    😆

  13. Niky ha detto:

    Franco mettiti le mutande di cuoio !!! 😆

  14. Franco ha detto:

    @Chiara, cerrrrto che la proviamo.. 😆
    L’ho rispolverata proprio in questi giorni a lezione.. facevo un ripasso-cazzeggio di tutta la montagna di passi e sequenze imparati nel tempo e poi dimenticati..
    Con soddisfazione mi sono reso conto che distanza di tempo li ho metabolizzati.. e senza fatica mi tornano in mente.. 😀
    L’ho imparata quest’inverno con Pablo y Patricia, c’era anche Deborah..

  15. Chiara Chiara ha detto:

    Ecco bravo! Li hai dimenticati!
    Ma il tuo cervelletto li ricorda benissimo.
    Questo intendevo nei commenti all’altro post!

  16. Franco ha detto:

    Pensa che mi è tornata una sequenza, al tempo (2 anni fa) per noi complicatissima, (a dire il vero difficile ancora oggi..) imparata in uno stage con Leandro Palau e Romina Godoy (della compagnia tangox2) a Cesena, il giorno dopo la loro esibizione al Verdi.

    Penso che sia perchè all’inizio si tende a guardare solo i piedi, mentre ora si ha una consapevolezza di tutto il corpo nel movimento..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*