Cruzando Aguas

Incontro tra Italia e Argentina

PUBBLICATO IL 4 giugno 2020

Fabrizio Mocata – piano & Fabian Bertero – violino

Foto di Antonio Porcelli

Il disco, composto da brani originali e da classici del Tango, nasce nel 2019 dall’incontro tra il pianista Italiano e il violinista Argentino, tra Buenos Aires e Montevideo.
La scelta è stata quella di attraversare il Rio de La Plata e di incidere con due musicisti di Montevideo, il contrabbassista Jorge Pi e il chitarrista Julio Cobelli. Si aggiunge al progetto anche il percussionista argentino Edgardo Lopez. Il progetto viene presentato a Buenos Aires il 18 Agosto 2019 in occasione del Festival Mundial di Tango presso il palco più importante, quello della Usina del Arte. Fabrizio Mocata viene nominato dal comunicato ufficiale tra gli ospiti internazionali di spessore accanto a José Mosalini e Olga DelGrossi. Il lavoro discografico viene pubblicato da Acqua Records, etichetta simbolo del Tango di Buenos Aires. Il progetto è stato seguito fin dalla nascita e in tutte le sue fasi dal produttore Ivan Pantarelli – GRUVITA MEDIA production, partecipe sia delle scelte artistiche che della concezione tecnica.

Lo spirito del progetto di Mocata e Bertero è proprio quello di usare la musica come mezzo di unione e comunione. Le culture di Buenos Aires e Montevideo, le terre del Tango, si riuniscono con quella italiana che le ha profondamente influenzate nel momento della loro genesi. Proprio attraverso l’acqua i nostri migranti giungevano in quelle terre sperando di poter coronare i loro sogni e trovare una realtà migliore. In questo viaggio c’è l’essenza di una musica che non può essere considerata estranea alla nostra impronta culturale. Le melodie ricordano l’Opera e la canzone Napoletana e i temi trattati sono intrisi della nostalgia dell’emigrante. Il disco è stato inciso in un edificio storico di Montevideo chiamato Palacio Salvo, progettato dall’italiano Mario Palanti, che aveva concepito quello che allora era considerata una vera e propria sfida nel pieno centro di Montevideo. Costruito nel 1925, sorge in Piazza indipendenza, di fronte alle porte della “ciudad vieja” e a pochi metri dal Rio de la Plata. Nello stesso punto, nel 1917, era stato eseguito per la prima volta in pubblico il Tango più celebre del mondo: “La Cumparsita” che i due hanno voluto incidere in una nuova versione.

Il disco è disponibile in tutti in stores digitali e la distribuzione fisica, in Argentina e Giappone, è gestita da Acqua records con sede principale nel famoso negozio “Zivals” di Av. Corrientes a Buenos Aires.

Cruzando Aguas e il precedente disco di Mocata Swango sono entrambi candidati nella categoria miglior gruppo di Tango strumentale per i prestigiosi “Premios Gardel” 2020.

Fabrizio Mocata è il primo italiano che è stato invitato in Festival che hanno fatto la storia del Tango come Montevideo, Medellin, Granada, Valencia e in tantissimi eventi in tutto il mondo in Europa e nelle americhe. Negli anni ha avuto sempre uno sguardo molto ampio prima rileggendo le arie di G. Puccini e G. Verdi in trio Jazz nei lavori “Puccini Moods” e “Free The Opera!” e poi curando la direzione artistice del progetto Recital CanTango dove il cantante d’Opera F. Armiliato ha fa un appassionato tributo a Carlos Gardel e Tito Schipa e le loro Tango Cancion.Il Jazz il Tango e l’Opera sono tre generiche hanno accompagnato da sempre il percorso musicale di F. Mocata. Ha di recente pubblicato il CD Swango che unisce in una comunione lo Swing e il Tango con la partecipazione della grande voce di Buenos Aires Sandra Luna. Conta con il privilegio si essere l’unico italiano che ha presentato il suo lavoro con un concerto presso l’Academia Nacional del Tango

Fabian Bertero è uno dei violinisti, compositore e arrangiatori più noti di Buenos Aires. Comincia la sua carriera come violinista classico nella filarmonica de Buenos Aires e seuccesivamente nell’orchestra del Colon. Nello stesso tempo ha la possiblità di cominciare a lavorare con grandi maestri come Leopoldo Federico, Daniel Binelli, Osvaldo Piro e Carlos Garcia, con cui va in tour in Giappone. Col passare degli anni viene convocato da grandi musicisti come Osvaldo Berlingeri, José Colangelo, Julian Plaza e da cantanti del livello di Alberto Podestà e Raul Lavié. Suona nello storico palco del Michelangelo dove può collaborare con figure di prima importanza come Libertad Lamarque e Roberto Goyeneche. Segue nel 1997 una esperienza televisiva come solista e arrangiatore insieme all’orchestra di Carlos Galvan. La sua carriera internazionale si caratterizza con partecipazioni in concerti in Finlandia, Svezia, Israele, Francia, Martinica, Cile e Danimarca. Negli ultimi anni si registrano due progetti da lui diretti che sono Fabian Bertero y los musicos de buenos Aires e la Bertero Big Band Tango, che vede 14 musicisti sul palco da lui diretti. Segue inoltre gli arrangiamenti e la produzione artistica delle importantissime cantanti Sandra Luna e Maria José Mentana.

 

 

ARTICOLI CORRELATI #

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*