Cultura argentina

“El que atrasò el reloj” di Enrique Cadicamo

Forse l'ultimo tango di Cadicamo inciso da Carlos Gardel

PUBBLICATO IL 12 dicembre 2017

"El que atrasò el reloj" (Quello che ha mandato indietro l'orologio), è un'altra delle creazioni di Enrique Cadicamo che nacque a General Rodriguez in provincia di Buenos Aires il 15 luglio del 1900 e morì il 3 dicembre del 1999. Fu uno degli autori più prolifici della musica popolare argentina, noto ancor più per la qualità dei suoi tangos che per la quantità, anche se non si scherza con il numero delle sue canzoni pubblicate, che sono circa 1300! Il suo primo tango "Pompas de jabon", fu tra quella ventina che Gardel incise, tanti dei quali sono tra i classici…
Pubblicato in Cultura argentina, Traduzioni Taggato con: , ,

“La catrera” di Arturo Vicente De Bassi

Un brano tutt'altro che dimenticato

PUBBLICATO IL 30 novembre 2017

Tra le figure della "Guardia vieja" che più affascinano, esperti di musica e non, c'è sempre in prima fila Eduardo Arolas, ma poco si parla di uno dei musicisti più importanti per formazione musicale e per capacità di evolvere in quegli anni: Arturo Vicente De Bassi. Egli contribuì in modo fondamentale a gettare le basi di carattere e struttura che fecero poi durare e crescere nel tempo il nostro amato tango. Arturo Vicente De Bassi nacque nel quartiere porteño di Recoleta il 2 aprile del 1890. La sua formazione musicale completa lo fece diventare uno dei pochi musicisti professionisti degli…
Pubblicato in Cultura argentina, Musica Taggato con: , ,

Le ali di Piazzolla

Quella di Piazzolla è una musica che non sopporta i toni pastello

PUBBLICATO IL 22 novembre 2017

di Franco Finocchiaro Commemorare il venticinquesimo anno dalla scomparsa di Astor Piazzolla con un Gran Galà che ha per titolo "Piazzolla’s Daedalus". La prima osservazione, quasi involontariamente automatica, che mi ha richiamato il titolo scelto per l’occasione, riguarda il legittimo collegamento analogico tra la biografia del Maestro di Mar del Plata e quello del protagonista di "A Portrait of the Artist as a Young Man", il romanzo semiautobiografico del giovane James Joyce, conosciuto dai lettori italiani con il titolo di Dedalus. Infatti, sia per Piazzolla che per il personaggio di Joyce, l’atto generativo per l’affermazione del sé passa attraverso una…
Pubblicato in Cultura argentina, Eventi Taggato con: , ,

La “Buenos Aires” di Jovès e Romero

Viaggio alle origini di "Buenos Aires"

PUBBLICATO IL 21 novembre 2017

Manuel Jovès nacque a Manresa, (Barcellona) l’8 marzo del 1886 e morì a Buenos Aires il 26 Agosto del 1927. Arrivò in Argentina nel 1908, quando aveva già una solida formazione musicale, i primi anni insegnò musica e canto per poi consolidarsi come direttore musicale di spettacoli di rivista e teatro. Nella sua terra natale era stato compositore di musica spagnola, ma in Argentina provò a cimentarsi con il tango, scrivendo parecchi successi, di cui sette furono incisi da Carlos Gardel. Si parla spesso di Manuel Romero aproposito de "Las vueltas de la vida", e lo si considera un autore non molto raffinato, ma…
Pubblicato in Cultura argentina, Musica Taggato con: , ,

Teatro popolare e tango: un connubio naturale

Politica e cultura Argentina alla base di tango e teatro

PUBBLICATO IL 27 ottobre 2017

C'è una stretta relazione tra il tango ed il teatro popolare in Argentina, entrambi si nutrirono dei medesimi personaggi, situazioni e tematiche. S’incontrarono in un momento storico irripetibile, l’Argentina di inizio secolo, e si potenziarono mutuamente. Così, metaforicamente, un "sainete" potrebbe durare tre minuti ed essere cantato e musicato, e un tango potrebbe durare quanto una piece teatrale, con tutta la passerella dei personaggi che la compongono (immaginate la milonga "un baile a beneficio"). Erano tantissimi i sainetes che contenevano tangos. La tematica era la medesima, riflettevano la situazione politica e culturale della società Argentina in quel periodo. Il teatro…
Pubblicato in Cultura argentina, Traduzioni Taggato con: ,

La Puñalada di Pintin Castellanos

Oggi vi presentiamo "La Puñalada" di Pintin Castellanos

PUBBLICATO IL 24 ottobre 2017

Horacio Antonio Castellanos Alves (detto "Pintin" Castellanos) nacque a Montevideo, Uruguay, il 10 giugno  1905 e morì il 2 luglio del 1983. Pintin è l'autore della celebre milonga "La Puñalada". Penso che il destino di Castellanos come autore di milongas fosse scritto nella sua storia, perché nacque e crebbe a Montevideo, città che contava una popolazione numerosa discendente degli schiavi africani portati dagli spagnoli e per tanti anni da questi utilizzati come servitù. A parte la creazione della "Milonga porteña", realizzata da Piana e Manzi, è infatti nota l'influenza dei ritmi e delle danze degli africani nella formazione del tango…
Pubblicato in Cultura argentina, Traduzioni Taggato con: ,

“Audacia”, una rivincita del lunfardo

Celedonio Flores e Hugo La Rocca firmano un tango "umoristico"

PUBBLICATO IL 17 ottobre 2017

Da bambini eravamo abituati a parlare e sentire certi termini che per noi erano familiari, sapevamo molto bene che non erano parole appartenenti alla lingua "castellana”, ma che usavamo tra di noi, una specie di dialetto che i bambini in Argentina erano soliti sentire dai più grandi e di cui conoscevano perfettamente il significato. Parlo del "lunfardo", linguaggio popolare usato in Argentina di cui logicamente i tangos sono stati testimoni protagonisti, soprattutto prima che la dittatura ne proibisse l’utilizzo. Col passare del tempo questa proibizione andò sparendo, ma certi autori - come quello di questo tango, Celedonio Flores - non riuscirono…
Pubblicato in Cultura argentina, Traduzioni Taggato con: ,

Il lunfardo, la lingua del tango

PUBBLICATO IL 13 novembre 2014

di Simona Bertocchi Il tango ha una lingua ufficiale, è il lunfardo, colloquialmente lunfa. Questo strano idioma è nato a La Plata, la città dell’Argentina capitale della provincia di Buenos Aires (a 53 km da questa città) e in seguito si è diffuso in tutta la regione di Buenos Aires e Montevideo alla fine dell’Ottocento nel periodo della grande immigrazione, quando circa 3 milioni di italiani portarono in Argentina, oltre ai loro sogni di una vita migliore, anche la loro cultura, i loro dialetti, le loro tradizioni. Buenos Aires oltre agli italiani aveva raccolto nel proprio grembo altre popolazioni europee,…
Pubblicato in Cultura argentina

Il Tango: la storia ed i suoi personaggi

PUBBLICATO IL 16 novembre 2012

CASA CAMBALACHE  In Palazzina Liberty Mercoledì 14 Novembre 2012 dalle ore 21.00-22.30 Presenta  SEMINARIO/CORSO “IL TANGO: LA STORIA  e i  suoi PERSONAGGI” con il Maestro HERNAN FASSA "Per addentrarsi in una cultura la cosa migliore e ascoltare i racconti dei vecchi, i saggi... io ho avuto la immensa fortuna di avere un padre che suonó per Gardel e insegnó a Di Sarli... di questo, e di alcune altre cose del tango, vorrei raccontarvi..." Lezione 1) -       Tango o Tangò? -       Il tango nel secolo XIX -       Influenza africana o “los negros del Río de la Plata” -       Prime partiture di…
Pubblicato in Cultura argentina, Musica, News Taggato con: ,

Dal nostro inviato a BsAs

PUBBLICATO IL 25 ottobre 2008

Un bellissimo articolo del nostro inviato da BsAs. Non ha bisogno di commenti...dice già tutto così com'è! Buona lettura  :-) Chiara Homenaje a Eladia Blázquez -un espacio propio-   Por Carlos  Szwarcer         Pasaron tres años desde aquel 31 de agosto de 2005 cuando su “corazón mirando al sur” se elevó a otra dimensión. Dueña de una manera distinta de sentir y expresar el tango, Eladia Blázquez, hija de  inmigrantes españoles (su padre era de Salamanca y su madre de Granada), había nacido en la ciudad de Avellaneda. Se abrazó a la música de tan pequeña que con…
Pubblicato in Cultura argentina, News